Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Mkhitaryan: “Partita perfetta, volevamo restare vicini al primo posto”

Getty Images

Le parole dell'armeno a fine match: "Il mio gol? La vittoria è la cosa più importante"

Redazione

La Roma vince contro l'Empoli e sale a 15 punti in classifica. A fine match ha parlato Mkhitaryan, autore del gol del 2-0. Le sue parole.

MKHITARYA A DAZN

Che bella Roma, quanto era importante questa reazione dopo il derby? Molto, specialmente prima della sosta. Volevamo vincere ed essere più vicini possibili al primo posto e abbiamo fatto quasi una partita perfetta.

4 partite senza gol e assist, sei ritornato... Non ero preoccupato perché sapevo che questo momento sarebbe arrivato. Ringrazio i miei compagni perché mi aiutano.

Si dice che sei un uomo assist ma sei il calciatore che da quando ha esordito con la Roma ha superato anche Dzeko... E' un piacere, mi fa sentire bene. E' più importante vincere e arrivare ai nostri obiettivi.

Quando è entrato El Shaarawy pensavi di andare tu a destra. E' una cosa che ho pensato perché Stephan si sente meglio a sinistra, a me non importa dove gioco, l'importante è giocare e aiutare i miei compagni e fare il lavoro che devo fare e andare avanti così.

Mkhitaryan a Roma Tv +

Era molto importante vincere, specie dopo il derby che abbiamo perso. Siamo sulla strada giusta, facciamo quello che dobbiamo fare, volevamo essere più vicini al primo posto ed è quello che abbiamo fatto

A che punto è la Roma di Mourinho? Questa domanda la devi fare al mister. Noi facciamo quello che ci chiede. Facciamo il nostro meglio per progredire e vincere le partite

Sei un leader di questa squadra, quando ci sei si sente. La senti questa responsabilità? Sono pronto ad aiutare la squadra, per mandarla avanti. Tutti fanno il meglio possibile per aiutare la squadra: un gol o un assist, di vincere le partite. Dobbiamo far vedere in campo che lottiamo tutti insieme

Dopo la sosta affronterete Juventus, Napoli e Milan. Una bella fetta di stagione... Sì, un bell'ottobre. C'è tempo per pensare a quello. Ora dobbiamo concentrarci sulla sosta nazionali e poi penseremo a quelle gare.