Harakiri Roma, il Milan vince 2-0: la Champions è un lumicino – FOTO

Harakiri Roma, il Milan vince 2-0: la Champions è un lumicino – FOTO

I giallorossi soffrono per tutto il match e al Meazza cedono sotto i colpi di Rebic e Calhanoglu. L’Atalanta ora può scappare

di Valerio Salviani, @vale_salviani

MILANO – Una brutta Roma perde a San Siro contro il Milan e vede il treno Champions scappare. Al Meazza i rossoneri s’impongono con un secco 2-0, firmato da Rebic che sfrutta bene un errore di Zappacosta, e Calhanoglu che chiude nel finale su rigore. I giallorossi partono bene, ma si sciolgono in fretta e subiscono per tutto il secondo tempo. L’Atalanta, già a più sei, ora può scavare un solco. E dietro Napoli e Milan spingono.

CALDO E RITMI BASSI, DZEKO SI MANGIA IL VANTAGGIO – Il silenzio di San Siro. Il caldo di fine giugno. Milan e Roma si affrontano in condizione inedite. Fonseca cambia tanto e manda in campo una formazione a trazione azzurra, con sei italiani su undici: Mirante, Zappacosta, Mancini, Spinazzola, Cristante e Pellegrini. La partita comincia su ritmi bassi, le squadre si studiano e cercano di gestire le energie. Niente pressing, ma si alzano i giri solo in contropiede. La Roma si rende pericolosa al 15’, Mkhitaryan parte a centrocampo in solitaria, trova Kluivert in profondità, palla in mezzo per Pellegrini che fatica nello stop e perde il tempo per la conclusione. Al 20’ Dzeko sfiora il vantaggio con un colpo di testa su cross (sporcato) di Kluivert, ma la conclusione è imprecisa e finisce larga. La 26’ prima occasione per il Milan, Bonaventura fa partire il destro dopo una bella combinazione con Rebic, ma il tiro è alto.

CALHA GRAZIA MIRANTE, LO 0-0 NON SI SBLOCCA – Al 31’ Mirante riceve palla, aspetta troppo prima di rilanciare e permette a Rebic di arrivare in pressing. Il portiere non ha alternative e rischia il dribbling, ma riesce a cavarsela. Solo uno spavento. Il caldo non dà tregua e le due squadre si fermano per il cooling break per tirare un po’ il fiato. Al 39’ il Milan va a un passo dal vantaggio, Hernandez crossa al bacio da sinistra sul secondo palo per Calhanoglu che colpisce di testa indisturbato, ma conclude alto a porta sguarnita graziando Mirante che era uscito male. Proprio il turco sul finale del primo tempo impegna lo stesso Mirante con un calcio di punizione, ma stavolta il portiere è bravo e mette in angolo. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, con i giallorossi in calo e i padroni di casa che sono apparsi più brillanti.

SOLO MILAN, LA ROMA BOCCHEGGIA – Si riparte e la Roma si complica subito la vita. Spinazzola sbaglia il retropassaggio per Mirante come Diawara con la Samp, Rebic anticipa il portiere ma non riesce a controllare. Occhiataccia del portiere al terzino, stavolta l’errore non è fatale. Svista a parte, il Milan scende in campo meglio e nei primi 10’ chiude la Roma nella sua metà campo preoccupando non poco Fonseca. Il tecnico prova a cambiare l’inerzia con Perez al posto di Kluivert e la Roma rialza un po’ il baricentro. I rossoneri però restano più incisivi e vanno vicino al gol al 65’ con Calhanoglu, che sfonda a sinistra e costringe Mirante alla parata coi piedi. Due minuti più tardi altra occasione, stavolta per Paquetà, che ci prova con un tiro da fuori e trova ancora pronto Mirante. Al 70’ escono Mkhiataryan e Dzeko (esausto), per Perotti e Kalinic.

REBIC-CALHANOGLU, LA ROMA SPROFONDA – Secondo cooling break al 73’. Fonseca ne approfitta per provare a risistemare i suoi, nel secondo tempo spenti e slacciati. Al 76’ il Milan passa in vantaggio. Come contro la Sampdoria l’azione del gol parte da un retropassaggio sbagliato. Stavolta sbaglia Zappacosta e favorisce Rebic, il croato recupera, si crea una mischia in area, prima ci prova Kessie, poi arriva ancora Rebic che con due tentativi batte Mirante e firma l’1-0. Negli ultimi 10’ Fonseca butta dentro Diawara e Pastore per tentare di raggiungere almeno il pari. La Roma si alza, ma senza Dzeko fa fatica a impensierire Donnarumma. La giornata no si conclude con un calcio di rigore assegnato ai rossoneri per un fallo (netto) di Smalling su Hernandez. Dal dischetto ci va Calhanoglu che non sbaglia e chiude la partita sul 2-0.

 

 

TABELLINO

Milan-Roma 2-0
Marcatori: 76′ Rebic, 89′ Calhanoglu

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Conti, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Kessie, Bennacer; Castillejo (54′ Paquetà), Bonaventura (54′ Saelemaekers), Calhanoglu; Rebic (77′ Leao).
A disposizione: Begovic, A. Donnarumma, Calabria, Gabbia, Laxalt, Biglia, Brescianini, Krunic, D. Maldini.
Allenatore: Stefano Pioli.

ROMA (4-2-3-1): Mirante; Zappacosta, Mancini, Smalling, Spinazzola; Cristante (81′ Diawara), Veretout; Kluivert (58′ Perez), Pellegrini (81′ Pastore), Mkhitaryan (69′ Perotti); Dzeko (69′ Kalinic).
A disposizione: Cardinali, Fuzato, Fazio, Bruno Peres, Kolarov, Ibanez, Villar, Under.
Allenatore: Paulo Fonseca.

Arbitro: Giacomelli
Assistenti:
Paganessi e Valeriani
IV Uomo:
Manganiello
VAR:
Orsato
AVAR: Preti

NOTE Ammoniti: 22′ Pellegrini, 41′ Castillejo, 62′ Rebic, 92′ Veretout

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy