Milan-Roma 2-2: ottima prestazione, ma non si va oltre il pareggio (FOTO)

di finconsadmin

  Difficile,quasi impossibile, vincerle tutte, ma anche questa volta la Roma c’è andata vicino. Si paga l’unica incertezza difensiva di Dodò ed il poco cinismo sotto porta. Ora la rincorsa alla Juve diventa ancor più in salita.   GUARDA TUTTE LE FOTO DELLA PARTITA      PRIMO TEMPO Ultima trasferta di questo anno solare per la Roma di Rudi Garcia. Il tecnico giallorosso lascia Totti e Florenzi in panchina ed opta in attacco per il tridente Gervinho-Destro-Ljajic. A centrocampo torna Bradley, Pjanic si gode la gara dalla tribuna, in difesa ancora Dodò sulla corsia di sinistra, Maicon sulla fascia opposta e l’insostituibile coppia di centrali Castan e Benatia. Allegri risponde con un albero di natale con Balotelli come terminale offensivo più avanzato. Già da subito si nota l’impostazione della gara da parte della Roma. Gervinho cambia fascia quasi ad ogni ripartenza, ma è dall’out di sinistra che libera la prima conclusione della serata. Su suggerimento di Dodo l’ivoriano calcia ma Abbiati respinge in uscita bassa. Al 10′ Emanuelson si invola dalla propria trequarti, De Rossi interviene in scivolata e prende l’avversario piuttosto che la palla. Rocchi tira fuori il cartellino giallo e il numero 16 giallorosso finisce con oggi il 2013. E’ il minuto 13 e Mattia Destro segna il suo secondo gol stagionale in due partite giocate. Un’azione corale eseguita in ottima maniera in quanto a tempi e precisione: Dodo palla al piede sulla trequarti avversaria serve Ljajic che inventa un rasoterra preciso destinato a Kevin Strootman che quasi dalla linea di fondo gira il pallone verso il cuore dell’area di rigore rossonera dove c’è Destro che apre il piatto destro e senza giochi di parole ed anche senza marcatura gonfia la rete di Abbiati. 1-0 per la Roma, ma il Milan anche se con poca incisività si propone nella metà campo giallorossa. Quando sono passati 15 minuti, Castan capisce le intenzioni di Emanuelson e gli leva la palla dal piede. La Roma riparte. Il Milan tenta di costruire azioni che portino gli attaccanti vicino ai pali del numero uno giallorosso. I tentativi spesso sono vanificati dalla lentezza e dalle imprecisioni dei rossoneri ma anche dale ottime chiusure della Roma e grazie alle intelligenti letture tattiche dei centrali giallorossi. A volte il Milan diventa aggressivo, ai limiti della correttezza. Su calcio d’angolo infatti De Rossi fa notare con ampi gesti una trattenuta ai suoi danni subìta per opera di Bonera che in area di rigore allunga vistosamente la maglia del numero 16. Il Milan non molla. Kaka ci prova e libera il sinistro ma lo chiude troppo ed il pallone si perde a lato del palo alla sinistra di De Sanctis che controlla la traiettoria. Poco prima della mezz’ora il Milan torna a riaffacciarsi nella metà campo giallorossa. Montolivo crossa ma a raccogliere la sfera è dal lato opposto Dodo che invece di liberare lontano dall’area, stoppa di petto e fa un retropassaggio killer verso De Sanctis che è sempre attento e ci pensa lui ad allontanare. Ancora Milan, con Emanuelson che da posizione defilata cerca la porta ed è sempre De Sanctis che a mano aperta prolunga in angolo. Da questo calcio d’angolo nasce il pareggio del Milan. Zapata al 29′, con un colpo di testa che gli fa rimbalzare il pallone sulla coscia, segna uno dei gol più improbabili della storia del calcio. Ed è momentaneo pareggio. De Sanctis rivendica un tocco col braccio del difensore rossonero. La partita si infiamma dopo la rete dell’1-1. Strootman batte un calcio di punizione, Bradley insegue la palla quasi sul fondo, quasi dalla stessa posizione del gol di Marquinho all’Inter dell’anno scorso nella stessa porta di San Siro, riesce a colpire il pallone e girarlo verso i pali rossoneri ma la sfera non supera interamente la linea di porta. No è gol, nonostante in molti abbiano creduto nel ritrovato vantaggio della Roma. Non è finita: Gervinho si libera di un avversario e punta Abbiati ma aspetta troppo per concludere ed in corsa Zapata chiude pulito in calcio d’angolo. Poco prima del 45′ Castan è costretto ad abbandonare il campo per una caduta scomposta dopo una spinta di Kaka. Rocchi concede due minuto di recupero, poi intervallo. SECONDO TEMPO La ripresa inizia con un cambio tra le fila del Milan: esce Abbiati ed entra Gabriel. Sperando che l’Avramov piglia-tutto della tredicesima giornata non contagi anche questo secondo portiere, la Roma torna in campo con gli stessi undici che hanno chiuso la prima parte di gara. Il Milan inizia proponendosi in avanti ma la Roma è ben chiusa e l’unica soluzione resta un cross lungo la cui traiettoria è facile preda di De Sanctis che con un sonoro ‘mia’ fa sua la palla. La Roma però è pronta nel ripartire in velocità, intercettando le prevedibili mosse dei padroni di casa. Al secondo contropiede giallorosso della ripresa, al 5′, Gervinho mette la quarta e punta la porta avversaria, superando Bonera. Gabriel inspiegabilmente esce dai pali e atterra dentro la sua area di rigore l’ivoriano. Calcio di rigore per la Roma ed ancora una volta Gervinho decisivo. Dalgi undici metri è pronto Kevin Strootman che apre il destro e spiazza Gabriel. Roma nuovammente in vantaggio. Grande serata e prestazione per il centrocampista olandese che nel primo tempo confeziona l’assist per l’1-0 di Mattia Destro, e nella ripresa realizza il rigore del doppio vantaggio. Al 12′ nell’area di rigore della Roma cadono Balotelli e Benatia. Entrambi a terra, San Siro vuole il rigore, ma Rocchi è attento e a ragione fischia fallo in attacco di Balotelli che ha trascinato a terra il centrale marocchino. Cambio di fronte: un provvidenziale Emanuelson con il tempo giusto toglie il pallone dai piedi di Gervinho in procinto di liberare la conclusione. Emanuelson il migliore sponda Milan, sia in fase di attacco che in fase di copertura. Ma il conteggio delle ripartenze efficaci, a questo punto della gara, è di 5 a 2 per la Roma. E al 17′ Destro coglie l’appoggio di Gervinho, ma cerca una giocata che non gli riesce e la palla gli scappa dai piedi. Rimessa dal fondo. Prima che Gabriel la batta, secondo cambio per Garcia. Una luce in più al Meazza: entra in campo Francesco Totti, esce Destro. Segue il secondo cambio anche per Allegri. Poli lascia spazio a Matri che andrà a fare coppia in attacco con Balotelli e Montolivo a supporto. Al 24′ Maicon crossa col contagiri in direzione di Bradley, appostato nel cuore dell’area rossonera. L’americano la gira di testa verso la porta ma la conclusione termina di poco a lato del palo alla sinistra di Gabriel. Il Milan pecca spesso di vistose lacune difensive: in questa occasione Bradley ha saltato indisturbato con un De Sciglio in perenne ritardo. Al contrario la Roma si dimostra attenta in fase difensiva con una buona prestazione di Dodo, a parte un retropassaggio da brividi nel primo tempo ed una chiusura pericolosa in area su Kaka nella ripresa, e di Burdisso nonostante sia entrato in campo ‘forzatamente’ a causa dell’infortunio di Castan. Superiore agli altri però è Benatia, lottatore molto spesso provocato che lascia da parte la sua fisicità per lasciar spazio alla grande tecnica ed intelligenza tattica. Poco prima della mezz’ora Balotelli, ancora, si lascia cadere in area al solo sentire alle sue spalle Burdisso. Al 32′ è di nuovo pareggio. L’asse Kaka-Balotelli-Muntari si conclude con il gol di quest’ultimo, sul quale è mancata la chiusura di Dodo. Mancano dieci minuti al termine del tempo regolamentare e Garcia effettua il suo terzo ed ultimo cambio. Ljajic esce e Florenzi entra. Al 38′ doppia ammonizione. Un giallo per Strootman e uno per Balotelli. Più ci si avvicina alla fine più il clima in campo diventa teso. San Siro una bolgia. Trascorre un minuto e De Sanctis mantiene il punteggio invariato grazie ad una reattiva respinta su un missile di Balotelli. A due minuti dal 45′ Emanuelson deve abbandonare il campo; al suo posto Zaccardo. Il direttore di gara concede quattro minuti di recupero. Durante il secondo la Roma ha rischiato di sciupare tutto, lasciando Montolivo solo e libero di suggerire un passaggio a Balotelli che si sistema il pallone ma chiude troppo la conclusione. Fuori. La Roma coi denti fino all’ultimo cerca il terzo gol, prima con De Rossi poi con Gervinho che dà solo l’illusione del gol. E Milan-Roma termina con un pareggio. Guendalina Galdi   IL TOP & IL FLOP Il Top di questa bella partita giallorossa è Benatia che non lascia scampo a Balotelli. Poi nella ripresa rimasto orfano di Castan con Buridisso è meno attento a capire le giocate rossonere. Forte fisicamente e bravo anche tecnicamente ad uscire dall’area testa alta. Granitico

Il Flop di questa gagliarda partita romanista è De Sanctis che legge male l’azione del primo gol di Zapata e anche sulla rete di Muntari potrebbe fare qualcosa in più. Stavolta non compie miracoli e forse ci aveva abituato troppo bene precedentemente. Sufficiente 
Alessio De Silvestro

  DIRETTA   SECONDO TEMPO   94′ termina il match 94′ Gervinho prova il tiro dal limte, palla di poco fuori 92′ Balotelli in area finta e si libera, prova il tiro che termina fuori 90′ Per il Milan dentro Zaccardo fuori Emanuelson 83′ Ammonito Balotelli 83′ Ammonito Strootman 81′ Per la Roma fuori Ljajic dentro Florenzi 77′ Gol Milan Balotelli, viene servito a centro area, vede Muntari sulla sinistra, gli passa sfera e il numero 4 segna il gol del pareggio  73′ Ammonito Montolivo 70′ Cross al centro per Bradley che gira di testa, palla di poco fuori 66′ Per il Milan fuori Poli dentro Matri 64′ Per la Roma fuori Destro dentro Totti 59′ Bello scambio Gervinho-Ljajic l’ivoriano prova il tiro ma viene fermato in area 52′ GOOOOOOOOOOOOOOL ROMA!!! Strootman realizza il rigore 50′ RIGORE PER LA ROMA Ammonito Gabriel per fallo su Gervinho 49′ Contropiede della Roma sfumato 45′ Partiti. Per il Milan fuori Abbiati dentro Gabriel   PRIMO TEMPO   47′ fine primo tempo 43′ Castan non riesce a continuare la gara ed esce, al suo posto Burdisso 41′ Fallo di Kakà in attacco su Castan, l’arbitro ferma il brasiliano che si sarebbe trovato solo a tu per tu con De Sanctis 33′ Erroraccio di Gervinho che solo davanti ad Abbiati si allunga sfera rimediando solo un calcio d’angolo 31′ Punizione di Strootman, Bradley colpisce la sfera che di un niente non entra in porta dando l’illusione del gol 30′ Gol Milan, calcio d’angolo, Muntari serve di testa Zapata che insacca la rete del pareggio  19′ Kakà ci prova da limite sinistro dell’area, palla di poco fuori 18′ Gervinho prova il tiro dal limite, palla deviata in angolo 13′ GOOOOOOOOOOOOOOOOOOL ROMA Strootman serve Destro con un cross basso dalla destra, che insacca di piatto la rete del vantaggio 11′ Ammonito De Rossi, salterà Roma-Catania 7′ Punizione di Balotelli, De Sanctis blocca 6′ Filtrande di Dodò sulla destra per Gervinho che prova l’incursione in area e poi il tiro. Abbiati blocca 4′ Balotelli prova ad insinuarsi in area ma Dodò lo ferma 1′ Partiti   TABELLINO   Milan: Abbiati (45′ Gabriel); De Sciglio, Bonera, Zapata, Emanuelson (90′ Zaccardo); Poli (66′ Matri), De Jong, Muntari; Montolivo, Kakà; Balotelli. A disp.: Gabriel, Coppola, Mexes, Zaccardo, Cristante, Nocerino, Saponara, Matri, Pazzini, Niang. All. Allegri.   Roma: De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan (43′ Burdisso), Dodò; Bradley, De Rossi, Strootman; Gervinho, Destro (64′ Totti), Ljajic (81′ Florenzi) A disp.: Lobont, Skorupski, Burdisso, Romagnoli, Jedvaj, Torosidis, Marquinho, Taddei, Ricci, Mazzitelli, Totti, Florenzi All. Garcia.   Arbitro: Rocchi di Firenze. Assistenti: Di Liberatore e Cariolato. IV uomo:Barbirati. Assistenti di porta: Celi e Guida. Marcatori: 13′ Destro,  30′ Zapata, 62′ Strootman, 77′ Muntari   NOTE Ammoniti 11′ De Rossi, 50′ Gabriel, 73′ Montolivo, 73′ Kakà, 83′ Balotelli, 83′ Strootman  Spettatori 37.387   CRONACA PRE PARTITA Ore 20.33 – Termina il riscaldamento pre partita Ore 20.11 – Scende in campo la Roma per il riscaldamento pre partita Ore 20.10 – Scende in campo il Milan per il riscaldamento pre partita Ore 19.45 – Alcuni giocatori giallorossi effettuano una ricognizione sul campo di San Siro prima del match (GUARDA LA FOTO)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy