Milan, Montella: “Ritorno alla Roma? Magari con il nuovo stadio… Totti può avere sorprese in serbo”

Il tecnico rossonero: “Con Francesco ci sentiamo poco ma ci vogliamo bene. Sono convinto che domani faremo bene. Un futuro con i giallorossi? Li ho già allenati, non aggiungo altro”

di Redazione, @forzaroma

Vincenzo Montella, allenatore del Milan, è intervenuto prima su Milan TV per poi spostarsi in conferenza stampa per rispondere alle domande dei giornalisti nella vigilia della gara di campionato tra i suoi e la Roma di Spalletti. Queste le sue parole a Milan TV:

Sulla città di Roma
Sono molto legato, ho la residenza lì e sono nati i miei figli. Ti cattura. E’ un piacere affrontarli domani, c’è il mio passato. Abbiamo bisogno entrambi di vincere per ottenere obiettivi che ci meritiamo entrambi secondo me. Servirà equilibrio.

Su Milan-Roma e Atalanta-Milan…
Sono due partite più semplici da preparare per i calciatori, più stimolanti. Abbiamo bisogno di fare più punti dell’andata rispetto a queste due partite.

Su Totti
Non so se sarà il suo ultimo Milan-Roma, perché lui è molto riservato, gli auguro il meglio e di fare la scelta migliore.

Su De Sciglio e El Shaarawy
Sono due giocatori importanti del calcio italiano, è già da qualche anno che il Milan porta dei giocatori giovani nella propria squadra.

Sul pubblico
Sono sicuro che il pubblico continuerà a sostenerci, nonostante gli ultimi due 2 risultati pessimi. Abbiamo bisogno di tutti.

Sulla formazione
Ho deciso la formazione a grandi linee, ma domani sarà importante la mentalità, anche di chi andrà in panchina.

MONTELLA IN CONFERENZA STAMPA:

Su Muntari
L’arbitro in campo aveva fatto quello che doveva, poi la Corte d’appello ha messo in primo piano l’uomo e va bene così. Il calcio deve restare solo divertimento.

Capitolo Maldini…
Con Paolo c’è un grande rapporto ma non posso commentare. Lui commenta dall’esterno, io vedo che c’è grande organizzazione, ottimismo per costruire qualcosa di importante. Quindi ogni commento lascia il tempo che trova.

Roma e Atalanta
Veniamo da due pessimi risultati, siamo amareggiati, dobbiamo recuperare e migliorare con Roma e Atalanta i punti fatti all’andata.

Sulla Roma e Totti
Loro sono una grande squadra, speriamo di non trovarla arrabbiata. La Roma fino a poco tempo fa giocava per il primo posto e dovremo fare una grande partita. Meglio dell’andata, dove giocammo bene fa siamo tornati con zero punti. Totti? Ci sentiamo poco per via del nostro carattere ma ci vogliamo bene. Spesso le mogli ci riuniscono e così ci rivediamo. Non so se sarà la sua ultima gara, ma Francesco è stato un grande campione e ne posso parlare solo bene.

Il Milan
La squadra si sta allenando molto nonostante i risultati non lo dimostrino. Sono convinto che faremo una grande gara, stiamo molto bene.

Sulla nuova società
Sento la stima di tutti e questo mi fa davvero piacere. Il gruppo non risente di nulla comunque, sono grandi professionisti e sono convinto che faremo molto bene domani.

La fase offensiva
A livello di percentuali siamo sotto la media realizzativa rispetto alle occasioni create. Stiamo intensificando questo ma credo che qualcosa deve cambiare nella testa dei giocatori, pensare più al gol e come arrivarci. Lapadula per Bacca nelle ultime gare? Ho valutato tutto, Gianluca sta molto bene fisicamente ma anche per il tipo di partita che mi aspettavo a Crotone, per questo e per altri motivi ho scelto lui

I motivi del calo
All’andata avevamo fatto diversi punti in più rispetto al nostro reale valore, del tipo 6 punti in più all’andata e 6 punti in meno al ritorno. Ci sono stati tanti fattori, come gli infortuni e il closing, ma in linea di massima siamo in linea con gli obiettivi. Le mancanze di Abate e Bonaventura, con il secondo che è un nazionale e il primo che è un ex ala, caratteristiche che non abbiamo in rosa, hanno pesato, ma sono cose che capitano. I ragazzi comunque stanno tutti molto bene, i dati di MilanLab lo dimostrano.

Bacca o Lapadula
Sta molto bene anche Carlos, sceglierò volta per volta, quindi anche domani. Se dovesse giocare, non ci saranno problemi, nè ambientali nè psicologici. Dovremmo essere più bravi anche a concludere, non solo con gli attaccanti, ma anche con i centrocampisti. Ad esempio come dimenticare le tante occasioni che ha avuto in passato Ocampos.

Il suo ritorno alla Roma?
Io la Roma l’ho già allenata, ho vinto un derby con doppietta di Totti e giocato in Champions. Magari ci tornerò con lo stadio nuovo. Non aggiungo altro.

L’Europa League
Credo che sia davvero importanti qualificarci, chi non ha questa ambizione deve cambiare mestiere. Nei prossimi anni l’Europa League sarà sempre più importante, quindi dobbiamo crederci.

Spalletti
E’ molto bravo a livello tattico, riuscendo a cambiare in meglio anche a gara in corso. Per questo dobbiamo essere sempre attenti e pronti nei 90 minuti. I manichini a Roma? Episodio da censurare, non aggiungo altro, è antipatico parlare di queste cose.

De Sciglio
E’ molto stimato da tutti qui e lui lo sa. Lui è molto sensibile e un grande professionista. Spero che il pubblico lo aiuti, anche se i fischi sono legittimi. Se lui viene fischiato, vengo fischiato anche io. Auspico una tregua, è un nostro patrimonio e mi auguro che il pubblico lo percepisca. De dovesse giocare spero che i tifosi lo aiutino. Capitano? Non è la mia gestione ideale quella di quest’anno, sono successi tanti cambiamenti. Vedremo in futuro, spesso cambio pensiero, ma ad esempio non vedrei bene Donnarumma sia perchè è un bambino e sia perchè un portiere parla con difficoltà con l’arbitro. Le mie gerarchie sono altre, capitano deve essere chi ha più valenza nello spogliatoio.

Totti poteva essere rossonero…
Certo che lo poteva diventare, ma lui era una bandiera a Roma e quindi era blindato.

Milan meglio di notte…
Sono contento di come sono andate le cose, meglio così allora.

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy