Mayoral: “Alla Roma posso crescere. Ho la mentalità da titolare”- AUDIO – FOTO – VIDEO

Queste le parole dello spagnolo: ”In Italia non puoi mai abbassare la concentrazione, prima o seconda punta non fa differenza”

di Redazione, @forzaroma

Un’altra occasione per mettersi in m nostra per Borja Mayoral. L’attaccante spagnolo ex Real Madrid, che ha affiancato il tecnico Fonseca in conferenza stampa, è pronto ad essere ancora una volta protagonista nell’impegno di Europa League che vedrà la Roma sfidare il Cska Sofia.

MAYORAL IN CONFERENZA

Ti senti più una prima o una seconda punta? Preferisci giocare da solo o con un compagno accanto?
Da calciatore preferisco giocare. Mi sento a mio agio nel sistema di gioco, ho giocato con diversi sistemi in carriera e ho dimostrato di sapermi adattare a tutte le situazioni: al Levante giocavamo con due punte, mentre al Real Madrid il sistema prevedeva un’unica punta.

Visto il buono stato di forma ti aspettavi di essere titolare con il Sassuolo?
Spero sempre di partire titolare, affronto le partite con questo spirito e con questa mentalità. La decisione spetta al mister, cerco di sfruttare le occasioni che mi vengono concesse cercando sempre di dare il massimo.

MAYORAL A ROMA TV

Mi trovo bene, penso che la squadra stia facendo bene. E’ positivo avere in rosa molti giocatori da ruotare nelle due competizioni. Sappiamo che non è facile ma credo che ci stiamo comportando bene. Dobbiamo continuare su questa strada. Posso migliorare ancora molto, in fin dei conti ho solo 23 anni, sono ancora giovane e sono in una squadra in cui so che migliorerò molto. E lo sto già facendo. Sono qui da appena due mesi, ma mi trovo molto bene e sono molto contento. Ho molta voglia di continuare a imparare e di continuare a lavorare. Per quello che ho potuto vedere in questi due mesi, come ho detto, in Italia i difensori sono molto forti e le squadre si concentrano di più sulla tattica rispetto alla Spagna. Questo ti consente di rimanere sempre molto concentrato per cercare sempre di trovare lo spazio e capire come far male alla difesa avversaria. Per questo credo di poter migliorare molto, perché sono abituato al calcio spagnolo che  un po’ diverso. E, in quanto attaccante, questo potrà essere utile per la mia carriera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy