Marotta: “Le proprietà straniere nel calcio italiano sono un fenomeno negativo”

“Gli stranieri arrivano e spariscono con facilità, essendo radicati a centinaia di migliaia di chilometri, chi li vede più? Meglio il made in Italy? È un plusvalore”

di Redazione, @forzaroma

Marotta, direttore generale della Juventus, critica le proprietà straniere nel calcio italiano. Queste le parole del dirigente bianconero a QS: “Le proprietà straniere nel calcio italiano sono un fenomeno negativo. Il senso di appartenenza ti aiuta molto nel raggiungimento degli obiettivi. C’è stato un cambiamento del modello calcio in Italia, il mecenatismo non è più sostenibile. Alcuni si affidano a personaggi stranieri che dovrebbero garantire certe cose, dovrebbero appunto. Gli stranieri arrivano e spariscono con facilità, essendo radicati a centinaia di migliaia di chilometri, chi li vede più? Meglio il made in Italy? È un plusvalore. La nostra proprietà è italiana, noi siamo italiani. Avendo giocatori italiani, bravi e lo sottolineo tre volte, è più facile arrivare a vincere lo scudetto. Sanno quanto è importante, come si fa, quanto è importante indossare la maglia della Juve”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy