Manolas zittisce Raiola: “Sono felice a Roma”. Szczesny vuole il derby: “Vinciamolo per i tifosi”

Il centrale giallorosso smentisce una sua cessione imminente: “Ho ancora tre anni di contratto con la Roma, sono felice qui”. Trigoria, rientrano in gruppo Salah, De Rossi e Florenzi

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

«Il nome di Manolas è sui taccuini che contano. Non so se andrà in Premier, per le sue caratteristiche fisiche forse può far meglio in altri campionati. Ma ho l’impressione che la Roma faticherà a trattenerlo». Le parole rilasciate dal noto agente di mercato Mino Raiola a “La Gazzetta dello Sport” avevano buttato nello sconforto totale i tifosi romanisti, pensando già all’ennesima cessione eccellente in difesa, dopo quella di Marquinhos e Benatia. Da buono stopper ci ha pensato lo stesso giocatore greco a spegnere il fuoco delle polemiche: “Raiola non è il mio procuratore, quello che ha detto lui non è vero”, ha dichiarato Kostas questo pomeriggio alla presentazione della Junior Tim Cup. Lui è contento di giocare nella Roma e, stando a quanto detto, non ha nessuna intenzione di lasciare la Capitale: “Se partirò lo deciderà la Roma. Ho ancora tre anni di contratto sono felice qui, e vediamo cosa succederà in futuro”. Il centrale giallorosso però vuole concentrarsi soprattutto sul presente e alla prossima partita di campionato: “La Lazio non ha nulla da perdere, è già fuori dall’Europa e vuole vincere questa partita. Noi siamo più forti, lo dobbiamo dimostrare e sono sicuro che lo faremo domenica”.

SZCZESNY – Vuole i tre punti Manolas nel derby, li vuole anche Szczesny: “La Lazio è buona squadra – ha ammesso il portiere polacco ai microfoni di Roma Radio -, arriviamo nelle migliori condizioni possibili; noi abbiamo fatto bene nelle ultime settimane e la fiducia e il morale sono alti. Abbiamo solo una cosa in testa, la vittoria. Per noi deve essere una partita come le altre perchè vale tre punti, ma per i tifosi sappiamo che non è così”. E’ in prestito dall’Arsenal, ma l’estremo difensore giallorosso a Trigoria si sente a proprio agio: “Qui sto avendo la fiducia di tutti, quando ho la fiducia dei compagni, del mister, dei tifosi e di tutto il club, le cose funzionano al meglio. Il merito non è solo mio ma di tutte le persone che mi hanno aiutato”.

MYROMA E NELA – Questo pomeriggio è andato in scena il primo confronto tra i tifosi e lo SLO (Supporter Liaison Officer), coordinato da Sebino Nela. L’ex giocatore della Roma ha avuto modo di rispondere alle domande dei presenti all’assemblea di MyRoma  riguardo le problematiche attuali per i supporter giallorossi, tra le quali spiccano soprattutto le barriere all’interno della Curva Sud, le multe per i cambi posto sugli spalti e il prezzo troppo elevato dei biglietti. “Quando manca una Curva che in Italia è il cuore pulsante è un fatto strano – ha dichiarato Nela -. Noi vogliamo un grande stadio con una grande Curva. La Roma vuole che questa si riempia di nuovo e torni come una volta. Potrà cambiare qualcosa già nelle prossime partite si i tifosi rientrassero nel settore? Certamente”

TRIGORIA – Tre giorni al derby, i giallorossi proseguono la preprazione al centrosportivo “Fulvio Bernardini” di Trigoria. La seduta di allenamento è iniziata con della palestra, dopo di che gli uomini di Spalletti si sono spostati sul campo, dove hanno svolto esercitazioni sulla rapidità, sul possesso palla e di gioco in inferiorità numerica. Sono rientrati con il gruppo Mohamed Salah e Daniele De Rossi, mentre hanno svolto lavoro individuale Uçan (botta alla caviglia sinistra) e Vainqueur (risenimento muscolare all’adduttore sinisto).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy