Lega, deroga alla Fiorentina per la fascia in memoria di Astori. Niente da fare per gli altri capitani

Lega, deroga alla Fiorentina per la fascia in memoria di Astori. Niente da fare per gli altri capitani

I viola hanno avuto l’ok per ricordare il difensore scomparso lo scorso marzo. Per le altre squadre vale la prescrizione di indossare la fascia standard. Miccichè: “Che sia giusta o sbagliata, la regola c’è, ed è stata votata dalle società nel 2017”

di Redazione, @forzaroma

È ufficiale: la Lega Calcio ha concesso una deroga alla Fiorentina per consentire al capitano viola di indossare una fascia commemorativa per Davide Astori. L’assemblea dei club ha oggi preso atto della proposta del presidente Gaetano Miccichè e ha dato il suo ok. Come riporta gazzetta.it, per tutti gli altri capitani di Serie A vale la prescrizione di indossare una fascia standard, come da nuovo regolamento della Lega, avallato da tutte le squadre. Niente da fare per il capitano della Roma De Rossi e per l’attaccante dell’Atalanta Alejandro ‘Papu’ Gomez: se dovessero nuovamente utilizzare una fascia personalizzata, per loro scatterà una multa.

La deroga alla Fiorentina per commemorare Davide Astori sulla fascia del capitano “ha durata per questo campionato, poi verificheremo in futuro“. Lo ha chiarito il presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè, augurandosi che negli altri 19 casi sia rispettata la norma sulla fascia standardizzata. “È prevista un’ammenda economica, ma troverei triste se i capitani non accettassero questa regola. Il nostro è un mondo di sport ma anche un’industria, con un fatturato importante e clienti, quindi abbiamo bisogno di darci delle regole. E non può esistere che un capitano, rappresentante della sua squadra, della sua società, della sua città, del suo tifo, non le accetti. Che sia giusta o sbagliata, la regola c’è, ed è stata votata dalle società nel 2017 – ha notato Miccichè -. Credo sia giusto che ci sia uniformità nella fascia di capitano, però è altrettanto doveroso fare un’eccezione per un caso straordinario e triste come la morte di Astori. Mi auguro di non dover più esaminare casi simili”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy