L’addio di Strootman: “Grazie Roma, ma ho bisogno di cambiare”. Florenzi in campo dopo la sosta

L’addio di Strootman: “Grazie Roma, ma ho bisogno di cambiare”. Florenzi in campo dopo la sosta

Il centrocampista è del Marsiglia, alla Roma 25 milioni più 3 di bonus. “Qui per Garcia” le sue parole. I compagni lo salutano. Di Francesco operato alla mano. Ancora fuori Perotti

di Valerio Salviani, @vale_salviani

Alla fine l’addio di Strootman si è consumato in un lungo pomeriggio di passione, fatto di addii e rimpianti per ciò che poteva essere e che per mille motivi non è stato. La Roma si consola con 25 milioni più 3 di bonus, l’olandese con un contratto ad ingaggio maggiorato e con l’abbraccio del mentore Garcia, che più di tutti ha spinto per l’operazione: “E’ stato fondamentale per il mio arrivo” ha spiegato in conferenza stampa a Marsiglia, chiarendo poi sui motivi dell’addio: “La Roma è un grande club ma avevo bisogno di un nuovo passo nella mia carriera. Dopo 5 anni volevo una nuova sfida”. Sono parole che stonano con il rinnovo firmato appena un anno fa, ma nel calcio è sempre buono tutto e il contrario di tutto. Non stonano sicuramente i messaggi d’addio di Strootman, che ha postato sui suoi profili social due video con parole di gratitudine a Roma, alla AS Roma e ai romanisti“Non vi dimenticherò mai, siete diventati la mia famiglia” ha spiegato.

FLORENZI SORRIDE – Con il Milan venerdì non ci sarà, ma Florenzi ha comunque di che sorridere dopo lo spavento di ieri. Il risultati dei test a Villa Stuart hanno evidenziato una distorsione del ginocchio sinistro, quello operato due volte, escludendo ogni interessamento dei legamenti. Starà fermo 15 giorni, un peccato visto lo stato di forma mostrato ieri, ma un’occasione per Karsdorp, che può tornare titolare in campionato a quasi un anno di distanza dall’ultima volta. A Villa Stuart si è visto anche Di Francesco, operato alla mano dopo il pugno alla panchina dato ieri, che gli è costato una frattura al metacarpo. “Dobbiamo stare più calmi” ha detto ai cronisti che lo aspettavano fuori dalla clinica. Le critiche piovutegli addosso non sembrano turbarlo, nonostante per molti è lui il colpevole della brutta prova di ieri.

VERSO IL MILANLavoro di scarico in palestra nel pomeriggio al Bernardini per chi ha giocato ieri. Nzonzi, Cristante, Pellegrini e Kluivert hanno lavorato anche su campo, mentre gli altri si sono allenati in campo con alcuni ragazzi della Primavera. Ancora out Perotti, sempre alle prese con il problema caviglia e in dubbio per il Milan. Ci sarà ancora Pastore invece, contento del primo gol in giallorosso: “Ora continuiamo a lavorare per migliorare” ha scritto sui suoi canali social. Domani nuovo allenamento alle 11. Per i ragazzi di Gattuso focus tattico e partitella. Il tecnico rossonero ragiona su alcuni cambi in difesa, dopo i 3 gol subiti a Napoli, con gli inserimenti di Caldara e Abate al posto di Musacchio e Calabria. Ufficiale l’amichevole contro il Benevento il prossimo 6 settembre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy