La solitudine dei numeri primi. L’allarme di Totti resta inascoltato

La solitudine dei numeri primi. L’allarme di Totti resta inascoltato

La Roma arriva a Firenze: Dzeko, Perotti e Pellegrini hanno le cuffie. L’ex capitano no. E nel suo libro dice: “Vorrei un ritorno al passato, senza auricolari e con musica condivisa. Tornerò alla carica”

di Redazione, @forzaroma

Firenze, 5 ottobre 2018, stazione di Santa Maria Novella. La Roma arriva in Toscana, questa una delle prime immagini di calciatori e dirigenti. Dzeko, Perotti e Pellegrini hanno le cuffie, Francesco Totti no. Il perché lo spiega lui stesso. “L’altro aspetto della modernità che trovo deleterio per lo spirito di squadra è lo smartphone col suo potere – per altri versi fantastico – di portarti in mondi lontani e isolarti in ogni momento. Compresi quelli in cui dovresti vivere una dinamica di gruppo. (…). Alla Roma mi è capitato più volte di proporre un ritorno al passato: cellulari spenti, niente cuffie, musica condivisa. Be’, non è più possibile, tutti hanno una ragione per tenere accesi i telefonini. (…). Tutte cose legittime, ma che fatalmente ti distanziano dagli altri. (…). Non puoi trattare i compagni come degli estranei, non sono colleghi di ufficio. Sono fratelli, e il risultato sarà uguale per tutti. Le emozioni individuali devono essere sincronizzate. Nel mio nuovo ruolo tornerò alla carica”.

Francesco Totti, pagina 286, “Un Capitano”. Il Capitano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy