La Roma torna a -4 dalla Juve, ma quanti rischi col Pescara – FOTO

Una sofferenza contro terzultima squadra del campionato che nessuno si sarebbe aspettato ad inizio partita. I giallorossi vincono ma giocano male e soprattutto ripiombano nei soliti problemi di concentrazione e mentalità. Per vincere contro la Lazio serve tutt’altro atteggiamento

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

Che sofferenza, avranno pensato i 23 mila dell’Olimpico. La Roma ha vinto, giocando male e rischiando il pareggio fino all’ultimo secondo. Un 3 a 2 che ha poco di positivo se non i tre punti, utili per riportarsi sul secondo gradino del podio: contro la Lazio per vincere serve un’altra mentalità e un’altra gamba.

DZEKO – Pronti, via. Due reti in undici minuti, ma una partita che ha avuto ancora molto da raccontare. Con un Salah poco brillante nelle ultime uscite, la Roma questa sera si è affidata all’asse Perotti-Dzeko, con l’argentino nelle vesti di assist-man e il bosniaco ormai sempre più cannoniere della Serie A. Tripletta giovedì contro il Viktoria Plzen, doppietta contro gli abruzzesi e record di Batistuta superato, con 17 reti in venti partite contro i 15 dell’ex attaccante argentino. Uno-due in quattro minuti, con due reti in fotocopia: cross di Perotti (uno dalla destra, l’altro dalla sinistra), e anticipo di Dzeko sul difensore che al centro dell’area di destro infila in porta.

MENTALITA‘ – Partita in cassaforte? Macché. I giallorossi dopo le due reti si sono rilassati e hanno concesso spazio e coraggio agli abruzzesi che al 60’ hanno riaperto la partita con Memushaj. La Roma soffre le ripartenze, si era visto contro l’Atalanta, è riaccaduto anche questa sera. Squadra lunga e poco aiuto tra i reparti, Spalletti dopo il 2 a 1 ha deciso di dare maggiore supporto al reparto difensivo, sostituendo Nainggolan e inserendo Daniele De Rossi, alla sua presenza numero 400 in campionato.
Solito problema di testa, perché dopo le sbracciate e le urla di Spalletti i giallorossi hanno ripreso ritmo e al 71’ hanno siglato il terzo gol su rigore di Perotti, ma il doppio vantaggio è durato solo due minuti. Altro rilassamento e Caprari tutto solo in area ha avuto tempo e spazio per riaccorciare lo svantaggio. Poco niente di quanto ha chiesto Spalletti in questi mesi sta funzionando: i reparti sono lunghi e distanti, il centrocampo e le ali non aiutano la difesa che spesso si è trovata a dover chiudere in inferiorità numerica.

SOFFERENZA – Gli ultimi dieci minuti hanno mostrato una Roma in netta difficoltà, contro la terzultima squadra del campionato. La vittoria alla fine è arrivata, e i tre punti sono l’unica nota positiva della serata. I giallorossi riprendono il secondo gradino del podio, superando nuovamente Milan e Lazio, e rosicchiando tre punti alla Juventus uscita sconfitta da Genoa. Domenica il derby, da prendere con uno spirito e un atteggiamento sicuramente diverso rispetto a quanto visto questa sera.

Roma-Pescara

TABELLINO

Roma-Pescara 3-2
Marcatori: 8′, 10′ Dzeko, 61′ Memushaj, 71′ Perotti (rig.) 74′ Caprari

ROMA (4-2-3-1): Szczesny; Peres, Ruediger, Fazio, Emerson; Gerson (72′ Totti), Strootman; Perotti, Nainggolan (64′ De Rossi), Salah (92′ Vermaelen); Dzeko.
A disp.: Alisson, Crisanto, Grossi, Seck, Soleri, Jesus, Marchizza, Iturbe.
All.: Luciano Spalletti

PESCARA (4-3-2-1): Bizzarri; Zampano, Zuparic, Biraghi, Crescenzi; Brugman, Vitturini (46′ Verre), Memushaj; Benali (78′ Cristante), Pepe; Bahebeck (5′ Caprari).
A disp.: Fiorillo, Maloku, Mele, D’angelo, Muric, Forte, Pettinari.
All.: Massimo Oddo

Arbitro: Irrati di Pistoia
Assistenti: Longo-Paganessi
Quarto uomo: Passeri
Assistenti di porta: Celi-Manganiello

NOTE Ammoniti: 31′ Biraghi, 32′ Ruediger, 63′ Palmieri Spettatori paganti: 23.633

CRONACA PRE-PARTITA

Ore 20.20 – Le squadre rientrano negli spogliatoi.

Ore 20.09 – Roma in campo.

Ore 20.05 – Pescara in campo.

Ore 19.57 – Portieri della Roma in campo per il riscaldamento.

Ore 19. 50 – Portieri del Pescara in campo.

Ore 19.23 – Pescara in campo la ricognizione.

Ore 19.21 – Roma e Pescara sono arrivati allo stadio.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 4 anni fa

    riusciamo a prendere gol da cani e porci, davvero incredibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. noel - 4 anni fa

    Uno-due di Edin in 10 minuti; la nostra difesa comunque sballa – stiamo giocando contro il Pescara. Ci aspetta qualcosa di diverso contro la Lazio.

    Peres rimane un enigma – corre ma non ha azzeccato un cross finora.

    Gerson – troppo timido, quando arriva la palla la scansa immediatamente ad un compagno; niente costruzione di gioco, molto poco per un braziliano Under 20.

    Bisogna trovare il terzo gol per chiudere la pratica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. noel - 4 anni fa

    Niente scherzi ragazzi – solo i tre punti. Daje Roma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy