La Roma pareggia a Bologna: 2-2. Destro segna ed esulta sotto la curva – FOTO – VIDEO

La Roma pareggia per 2 a 2 sotto la fitta pioggia del Dall’Ara. I rigori di Pjanic e Dzeko non bastano, gli emiliani pareggiano i conti con l’ex giallorosso Destro

di Marco Cantagalli, @CantagalliMarco

Allo stadio Dall’Ara la squadra di Garcia sbaglia ancora una volta l’approccio. Il campo non aiuta, ai limiti della praticabilità. Masina illude il Bologna in mischia nel primo tempo. Nella ripresa Rocchi concede tre calci di rigore: prima pareggia Pjanic, poi Dzeko porta in vantaggio i suoi, Destro pareggia i conti. Assedio giallorosso negli ultimi minuti, ma il Bologna resiste.

PRIMO TEMPO – Diluvio al Dall’Ara. Piove a dirotto su Bologna, grandi raffiche di vento e pioggia che non accenna a smettere sul terreno di gioco. Condizioni non favorevoli alla squadra giallorossa, molto più tecnica rispetto al Bologna rinvigorito dalla cura Donadoni. Prima del fischio d’inizio viene esposta a centrocampo la bandiera francese per ricordare le vittime di Parigi sulle note della Marsigliese. Garcia, anche lui nella capitale francese la notte della strage, ha cantato l’inno a bordocampo visibilmente emozionato. Rudi Garcia riparte da Maicon, spostando Florenzi nel tridente offensivo. In panchina Iago Falque, forse a riposo in vista della trasferta del Camp Nou. Keita a centrocampo al posto di De Rossi, lasciato nella Capitale a scopo precauzionale. In campo sia Digne che Ruediger, entrambi reduci dall’amichevole Francia-Germania giocata allo Stade de France la sera del terribile attentato a Parigi. Per l’arbitro Rocchi si può giocare, nonostante il terreno pesantissimo per la pioggia incessante. Si parte. Gara molto confusa a causa delle condizioni del campo, il Bologna di Donadoni (con lui in panchina due vittorie su due) sembra più reattivo; la Roma prova a creare gioco senza successo. Mattia Destro, tra i più attesi del match, sembra in grande forma. Il centravanti ascolano, fischiatissimo dal settore giallorosso, crea diverse azioni pericolose dalle parti di Szczesny. Ottima interpretazione del match da parte del club emiliano: pressing e contropiede. La Roma non respira e vacilla in difesa. Al 10’ gol annullato (dubbio) a Mounier. Passano 5 minuti e il Bologna passa in vantaggio. Batti e ribatti in area, il pallone arriva sui piedi di Masina, che da due passi insacca. Destro si inventa un numero pazzesco e crossa al centro, Diawara sbaglia clamorosamente il raddoppio. Si lotta su ogni pallone, Nainggolan maestro in fase di interdizione. La Roma prova a reagire, al 39’ in contropiede Mirante anticipa Florenzi fuori area, il portiere rossoblu tocca con la mano. Scorrono proteste. Poi Pjanic scaglia un gran destro, Mirante compie il miracolo. Si chiude con qualche battibecco fra Dzeko, Nainggolan e Gastaldello la prima frazione. Quasi solo duelli e lotte, impossibile costruire azioni manovrate.

SECONDO TEMPO – Si riparte. Nessun cambio all’intervallo. In campo gli stessi uomini del primo tempo. Il Bologna non sembra sazia, Destro si presenta a tu per tu con Szczesny, il tiro dell’ex giallorosso è centrale e lento. La Roma cerca le motivazioni giuste per riaprire il match, un’eventuale vittoria la catapulterebbe in testa alla classifica, aspettando i risultati di Fiorentina ed Inter alla 13esima giornata di Serie A. Fin dai primi minuti della ripresa tanta intensità in campo, la Roma ha più ritmo. Stavolta l’approccio sembra essere quello giusto. E alla fine arriva il premio: azione confusionaria della Roma, Florenzi crossa ma Mounier allarga il braccio in chiusura. L’arbitro Rocchi fischia il penalty. Pjanic si presenta dagli undici metri, rasoiata non angolata; Mirante intuisce, ma non ci arriva. E’ 1 a 1. Adesso la Roma ci crede, Garcia carica i suoi dalla panchina. Col passare dei minuti la squadra giallorossa dà la sensazione che può portarsi a casa la vittoria. Dzeko incorna, su assist di Florenzi: fuori di poco. Doppio cambio operato dal tecnico Garcia quando siamo al 60esimo: fuori Maicon e Keita, dentro Torosidis e Vainqueur. La Roma avanza, il Bologna sembra impaurita. Pallone lungo per Dzeko, Mirante viene ingannato dal rimbalzo e non riesce a prendere un pallone che sembrava suo. L’attaccante bosniaco serve Pjanic, il suo tiro finisce alto. Clamorosa occasione sprecata. Ma una non basta. Anche Florenzi si trova solo davanti a Mirante dopo 25 metri di corsa palla al piede, il suo tiro è troppo centrale. Il Bologna sembra incapace di reagire, forse si fa sentire la fatica dell’ottima prestazione nel primo tempo. A poco a poco le squadre si allungano, più spazi per tutti. Al 70esimo cambia il match: sponda di Dzeko per Iturbe, l’argentino entra in area e viene steso da Rossettini. Rocchi fischia il secondo rigore. Stavolta è Dzeko a presentarsi dal dischetto: il centravanti bosniaco non sbaglia. Sorpasso giallorosso. Intanto Destro sfoga tutta la sua rabbia con Rocchi discutendo platealmente con l’arbitro. Anche Maietta è scatenato, il difensore molto nervoso a bordocampo viene placato dallo staff di Donandoni. Lo stesso Maietta, appena rientrato sul terreno di gioco, si accascia. Viene immediatamente portato fuori in barella, al suo posto Mancosu. Ora la Roma cerca di mantenere il possesso palla per addormentare il match negli ultimi minuti. Ma ecco il patatrac. Torosidis atterra Giaccherini, Rocchi assegna il terzo rigore. Destro indiavolato, spiazza Szczesny e va ad esultare sotto la curva dei suoi nuovi tifosi. Esordio per Sadiq, esce uno zoppicante Iturbe. La Roma ruggisce, saltano tutti gli schemi. Tutti nella metà campo rossoblu, ma il muro del Bologna regge.

Bologna-Roma

 

TABELLINO

Bologna-Roma 2-2
Marcatori: 14′ Masina, 52′ Pjanic (rig.), 72′ Dzeko (rig.), 87′ Destro (rig)

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Rossettini, Maietta (79′ Mancosu), Gastaldello, Masina; Donsah (70′ Taider), Diawara, Brighi; Mounier (76′ Rizzo), Destro, Giaccherini.
A disp.: Da Costa, Stojanovic, Oikonomou, Ferrari, Morleo, M’Baye, Crisetig, Brienza, Falco.
All.: Donadoni.

ROMA (4-3-3): Szczesny; Maicon (63′ Torosidis), Manolas, Rudiger, Digne; Keita (63′ Vainqueur), Nainggolan, Pjanic; Florenzi, Dzeko, Iturbe (88′ Sadiq).
A disp.: De Sanctis, Lobont, Castan, Gyomber, Emerson, D’Urso, Uçan, Falque, Ponce
All.: Rudi Garcia.

Arbitro: Rocchi di Firenze
Assistenti: Vuoto – Crispo
IV Uomo: De Pinto
Addizzionali: Massa – Baracani

 

NOTE Ammoniti: 12′ Manolas (R), 25′ Donsah (B), 33′ Gastaldello (B), Nainggolan (R), 38′ Mirante (B), 57′ Iturbe (R), 84′ Torosidis (R), 88′ Destro (B) Spettatori: 23-304

 

PREPARTITA (In diretta dal Renato Dall’Ara)

Ore 17.25 – Bologna e Roma in campo per il riscaldamento pre partita

Ore 17.18 – L’arbitro scende inc campo i rappresentanti delle due squadre per testare il terreno di gioco: la partita inzia. Nel caso in cui il campo dovesse diventare impraticabile la partita verrà sospesa

pioggia_bol

Ore 17.10 – La terna arbitrale sta valutando se giocare o meno la partita. Un addetto del Bologna ha fatto rimbalzare il pallone in alcune aree del campo non allagate

Ore 17.00 – Bompard e Fichaux scendono sul campo per testare il campo: il pallone in certe aree del terreno di gioco non rimbalza e non scorre

Ore 16.56 – La pioggia si sta intensificando e non sembra smettere. Ad ora la partita non sembra a rischio ma il campo potrebbe non reggere i 90′

Ore 16.44 – Una pioggia battente sta si sta abbattendo sul Dall’Ara già da questa mattina. Il campo sembra reggere ma risulta molto pesante.

Ore 16.37 – La Roma è arrivata allo stadio Dall’Ara

Ore 16.25 – La Roma si dirige verso lo stadio Dall’Ara dove questa sera sfiderà il Bologna.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 5 anni fa

    Destro,piccolo uomo e giocatore mediocre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. noel - 5 anni fa

    Lo stato del terreno di gioco danneggia la squadra piu tecnica – la Roma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy