La Cassazione condanna la Lazio, De Sisti da risarcire per dequalificazione professionale

La Cassazione condanna la Lazio, De Sisti da risarcire per dequalificazione professionale

La società biancoceleste è colpevole di averlo tenuto ai margini per un anno dopo averlo ingaggiato, ai tempi di Sergio Cragnotti

di Redazione, @forzaroma

Ora è ufficiale, la Cassazione condanna la Lazio a risarcire Giancarlo ‘Picchiò De Sisti, l’ex centrocampista di Roma e Fiorentina, già mister della squadra viola, con 29 presenze in nazionale e quattro gol, per dequalificazione professionale. La società, come riporta l’Ansa, è colpevole di averlo tenuto ai margini per un anno dopo averlo ingaggiato, ai tempi di Sergio Cragnotti, dal 2001 al 2004 come responsabile delle squadre giovanili biancocelesti. Senza successo, la difesa della Lazio ha sostenuto che non c’era stato alcun «demansionamento» e che semmai c’erano stati «inadempimenti del lavoratore». Invece, gli ‘ermellinì sottolineano che la Corte di Appello «ha accertato l’inattività a cui fu costretto De Sisti a far data dal gennaio del 2003 ed ha valutato come generiche e prive di riscontri le allegazioni della società sulla condotta inadempiente» di ‘Picchiò. I supremi giudici inoltre hanno respinto anche il tentativo della Lazio di contestare il diritto di De Sisti al risarcimento del danno «morale ed esistenziale». La Cassazione – sentenza 5431 – ha ricordato che questo diritto è stato accertato fin dal primo grado nel 2006 per «la lesione della dignità, della personalità morale e della stessa immagine professionale del De Sisti tanto più grave alla luce della stessa eco che la vicenda ha avuto nell’opinione pubblica». A sua volta ‘Picchiò aveva fatto ricorso in Cassazione, ottenendo il parere favorevole del Sostituto procuratore generale Mario Fresa, per ottenere – come avvenuto in primo grado – anche il risarcimento per il «danno patrimoniale da demansionamento». La richiesta, che avrebbe implicato la riapertura del caso che si protrae ormai da 15 anni, non è stata accolta perché non sono state approfondite le conseguenze negative subite da De Sisti per la forzata inattività.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy