Kolarov, rinnovo sotto l’albero? Poi la Roma lo vuole nella dirigenza

Kolarov, rinnovo sotto l’albero? Poi la Roma lo vuole nella dirigenza

L’esterno giallorosso è pronto a firmare il prolungamento di contratto nel caso in cui fosse inserita una clausola sulle presenze per il secondo anno

di Redazione, @forzaroma

Kolarov e la Roma, ancora tante pagine da scrivere assieme. L’esterno serbo, 16 gol in 104 presenze con la maglia giallorossa, ha dimostrato nella nuova parentesi capitolina di essere un leader dentro e fuori dal campo. Tanto che la Roma da settimane ha messo sul tavolo il rinnovo di contratto con annessa proposta di entrare nello staff dirigenziale una volta appesi gli scarpini al chiodo.

LA TRATTATIVA – Kolarov compirà 34 anni il prossimo 10 novembre, quando la sua Roma affronterà il Parma al Tardini. A giugno poi scadrà il contratto mentre da febbraio sarebbe già libero di accordarsi con un altro club. Ma lo stesso Pallotta ha fatto presente la centralità del serbo nel progetto giallorosso e da qui nasce l’idea di trattenerlo anche dopo che avrà chiuso la carriera.

RIFLESSIONI – Kolarov ci pensa. Nei suoi piani ci sarebbe anche la prospettiva di diventare Presidente della Federazione serba. Una posizione di prestigio per un patriottico come lui e capitano della sua Nazionale. Ma non solo: alcuni nodi da sciogliere sono legati anche alla durata del prossimo contratto che il difensore giallorosso andrebbe a firmare con la Roma. Prima di Natale le discussioni entreranno nel vivo, con Aleksandar che vorrebbe inserire nel primo anno di rinnovo la possibilità di un prolungamento ulteriore fino al 2022 legato al raggiungimento di un certo numero di presenze. Kolarov riflette, con la convinzione di voler rimanere nel calcio che conta dopo i rifiuti a varie proposte da Cina ed Emirati Arabi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy