Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Khedira su Mourinho: “Lavorare con lui è fantastico. Ho ancora la pelle d’oca”

Getty Images

Il tedesco ha parlato del suo rapporto con il portoghese ai tempi di Madrid: "Non credevo mi volesse con lui al Real"

Redazione

Sami Khedira, ex centrocampista della Juventus e del Real Madrid di Mourinho, ha parlato al quotidiano spagnolo AS proprio del suo rapporto con lo Special One e del loro primo contatto.

Non pensavi che Mourinho ti stesse cercando? “No, ero molto giovane e non ci credevo. Ma poi l'ho chiamato e mi ha detto che ero un giocatore e un ragazzo incredibile e che mi voleva con lui a Madrid. Il mio agente è poi volato in Spagna dove abbiamo avuto i colloqui, ma sono stati solo di un minuto o due. Mi ha chiesto quali fossero le mie aspettative e gli ho risposto che volevo vincere. Mi ha detto che ci saremmo visti a Los Angeles tra due settimane e basta. Queste le prime parole rilasciate dal tedesco che poi prosegue: "Andare a Madrid è stata una delle migliori esperienze della mia vita. Incontrare José e lavorare con lui è stato fantastico. Ricordo ancora il mio primo allenamento, ha detto che le nostre partite sarebbero state di 90 minuti, quindi il nostro allenamento sarebbe stato di 90 minuti e tutto con la palla. Ho pensato che fosse fantastico perché sarebbe stato facile rispetto alla Germania dove eravamo abituati a correre sempre ma dopo la prima seduta, ero morto. Dopo quella sessione, siamo risaliti sull'autobus, ed era solo due file avanti a me, e mi ha scritto di guardare la formazione del giorno dopo perché sarei partito titolare. Mi sono guardato intorno e l'ho visto che mi guardava e sorrideva. È stato fantastico e mi ha dato molta fiducia. Aveva bisogno di me. Mi viene la pelle d'oca a pensarci".

Tutto sembrava andare in pezzi con Mourinho nella terza stagione. “C'erano troppe personalità nello spogliatoio. Gli ego hanno battuto lo spirito dello spogliatoio e ci siamo persi. Forse era normale dopo due anni intensi. I giocatori si sono stancati. Nella terza stagione siamo stati eliminati contro il Dortmund e siamo arrivati ​​secondi o terzi nella Liga. La gente era stanca della leadership".