Karsdorp: “Ho giocato male per tre anni: ecco perché l’Olanda non mi chiama”

Il terzino sulla mancata chiamata della nazionale: “Molti se l’aspettavano, io no. Sto tornando ora al mio livello, devo continuare”

di Redazione, @forzaroma

Stasera avrebbe avuto una motivazione in più. Perché Rick Karsdorp sarebbe tornato volentieri nella “sua” Olanda per dimostrare di meritare la nazionale. La squalifica non glielo permetterà, ma ci proverà al ritorno. Per convincere anche i più scettici, compreso il c.t. della nazionale Frank de Boer: “Molti intorno a me si sarebbero aspettati una chiamata e mi hanno detto che la convocazione sarebbe arrivata. Anche nella Roma lo pensavano. Ma io non ci ho mai pensato, in realtà”, ha confessato a Ziggo Sport. “Non fraintendetemi, sono un giocatore che punta sempre al meglio – dice con onestà – e andare in nazionale sarebbe stato bellissimo, soprattutto in vista degli Europei. Ma ci sono altri giocatori nel mio ruolo e io soprattutto non mostro il mio vero livello da tre anni. Ora sto tornando a essere il giocatore che ero, ma devo continuare a lavorare in questa direzione per meritarla”.

In questa stagione ha trovato continuità come mai ne aveva avuta nelle stagioni precedenti: 33 presenze e solo uno stop muscolare a inizio stagione che lo ha costretto a saltare tre partite. Un gol (contro lo Spezia) e cinque assist che lo hanno fatto tornare in orbita nazionale. Per la convocazione dovrà aspettare, ma stavolta neanche lui ha fretta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy