Juve, Conte: “Aiutini? Chiacchiere da bar. Il campo ha reso giustizia alla squadra più forte, in maniera netta e clamorosa”

di finconsadmin

Dalla sala stampa del Media Center di Vinovo, giungono le dichiarazioni di Antonio Conte alla vigilia della partitissima contro la Roma. Tuttojuve.com sta trascrivendo integralmente e in tempo reale le parole del tecnico bianconero:

“Buongiorno a tutti e buon anno”.

Andiamo subito diretti. I simboli della Roma, De Rossi e Totti, hanno detto che anche questa Juventus ogni tanto riceve qualche aiutino. Vorrei un tuo commento.
“Ma sai, già potrei obiettare sull’anche… (ride, ndr). Guarda, la prendo sul ridere perchè è giusto che quando ci sono chiacchiere da bar, da tifosi, bisogna prenderla sul ridere e prenderla in maniera molto serena. Io dico che non ci sono dele risposte da dare a chi fa queste affermazioni. Anzi, io insegno ai calciatori, a chi lavora con me, a chi mi frequente, che le risposte vanno date sempre sul campo, perchè il campo rende giustizia sempre a tutto e a tutti. E dico che in due anni e mezzo il campo ha reso giustizia alla squadra più forte, in maniera anche molto netta e clamorosa alcune volte”.

 

 

Questa risposta è identica a quella che ha dato poco fa Garcia. Ha detto: “Io non parlo di queste cose, c’è un grande arbitro e quindi vincerà la squadra migliore”. Ha detto che la Roma giocherà per vincere. Lei si aspetta una Roma così o più attenta?
“Sicuramente ci saranno in campo due squadre che vorranno vincere. La Juventus da una parte e la Roma dall’altra. Quindi è inevitabile che ci saranno delle strategie tattiche, utilizzate sia dalla Juventus che dalla Roma, e che le parole se le porterà via il vento. Poi ci saranno i fatti, si dovrà vedere sul campo chi avrà più voglia di vincere, chi avrà adottato la tattica migliore per vincere. Ripeto, il campo è sempre quello che parla, le chiacchiere stanno a zero e servono solo ad alimentare polemiche e a creare delle situazioni che non hanno niente a che fare col calcio. Stiamo cercando di cambiare questo calcio, però mi sembra che non si voglia fare, perchè ogni partita è accompagnata sempre da qualche polemica e sembra che la poemica sia più importante della partita. Questo è il calcio in Italia, oggi. La polemica sembra più importante della partita, ecco”.

 

 

La Roma per molti è una sorpresa, ma tu l’avevi indicata tra le protagoniste a inizio stagione. Cosa ti aveva fatto pensare questo? Poi se ci puoi dire delle condizioni di Pirlo e Tevez, se sono alla pari con i compagni.
“Se uno fa una riflessione attenta, si rende conto che il percorso della Juventus e della Roma è molto simile:  la Juventus ha iniziato tre anni fa con me, e la Roma con Luis Enrique. In tre anni noi abbiamo vinto due Scudetti, due Supercoppe e adesso siamo in testa alla classifica, quindi penso che abbiamo bruciato veramente le tappe. La Roma ha avuto più sfortuna, forse meno bravura nel mercato, nella scelta degli uomini per questa ristrutturazione, ma non dimentichiamo che la Roma in questi ultimi tre anni è forse la squadra che ha fatto maggiori investimenti, ha cambiato se non sbaglio, il primo anno undici giocatori con Luisi Enrique, il secondo anno nove e il terzo anno ancora dieci-undici, a testimonianza che c’è un progetto serio, che non è facile. Perchè qui alla Juventus oggi parliamo di una squadra che viene da due Scudetti e si dimentica da dove si arriva. Oggi tutto viene semplificato alla Juventus, sembra che la Juventus sia da tanti anni sulla cresta dell’onda: ma non è così, sono solo due anni che siamo tornati a vincere, non sbagliando praticamente niente. E questo spesso e volentieri passa inosservato, ma non è così, proprio in virtù, in relazione, a quello che è successo alla Roma. La Roma ha fatto un percorso molto simile al nostro, però è da quest’anno che sta provando a vincere il campionato, nonostante gli investimenti, la ricerca di uomini nuovi, strade intraprese per cercare di fare bene. Ha una proprietà importante come quella americana con Unicredit dietro. Questo a testimonianza che quello che stiamo facendo oggi risulta facile, ma io penso che abbiamo fatto veramente un lavoro straordinario, che spesso viene… non sottovalutato, ma sembra che tutto sia dovuto quando si vince”.

 

FONTE tuttojuve.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy