Julio Sergio: “Con Luis Enrique chi sbaglia paga. Chiunque sia”

di Redazione, @forzaroma

“Luis Enrique mi ha insegnato un calcio diverso. Il codice etico? Con lui chi sbaglia paga, anche se si chiama De Rossi”. Queste le parole di Julio Sergio,

portiere del Lecce, di proprietà della Roma, ai microfoni di Radio Manà Manà Sport durante la trasmissione ‘Buongiorno Calcio’. “Luis Enrique propone un credo calcistico diverso, perchè in Italia è tutto basato sulla forza, l’aggressività e la tattica concentrata soprattutto sulla fase difensiva. Il tecnico spagnolo, se avrà il tempo necessario, riuscirà a far valere il suo lavoro – poi ha continuato – Cura molto i comportamenti fuori dal campo, era così fin dal ritiro anche se ancora non ci aveva dettato un codice di comportamento. In caso di errore non guarda in faccia nessuno, ci sono delle regole e valgono anche per Totti e De Rossi. Se Daniele ha sbagliato è giusto che sia stato punito”.

 

Julio Sergio parla dei suoi rapporti con il club giallorosso: “Ringrazio Walter Sabatini e la società, non appena ho subito questo grave infortunio ho pensato di tornare a Roma perchè qui ho i miei punti di riferimento – ha sottolineato – La colpa di quanto mi è capitato è anche del campo sintetico dove mi allenavo. Anche noi portieri rischiamo molto, non mi aspettavo il problema fosse così grave. Il futuro? Penso a recuperare per giocarmi al meglio le mie chance”. Infine un ricordo dei derby contro la Lazio: ” Quando vesti la maglia della Roma non puoi dimenticare momenti come il derby. Mi dispiace moltissimo per la sconfitta. L’uscita di Stekelenburg su Klose? E’ difficile giudicare dalla tv, soprattutto un collega. Lui ha scelto di uscire un attimo dopo sperando di prendere il pallone. Non voleva toccare l’avversario, è stato solo sfortunato“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy