Iturbe, critiche alle spalle: “L’anno prossimo farò meglio”. Norman e Lippie: “Grande sintonia con Garcia”

Per Iturbe il gol al derby non è un punto di arrivo, bensì un punto di partenza: “Sono arrivato con tanta voglia di dimostrare. Però ho sbagliato e dovevo andare un po’ più con calma. Quest’anno spero di fare meglio”. Norman e Lippie: “Garcia? “Il nostro lavoro è di supporto al suo”

di Guendalina Galdi, @Guend4lina_G

Juan Manuel Iturbe ha terminato la passata stagione tra gli applausi per il gol che ha aperto il derby decisivo per la conquista della Champions alla penultima giornata. Indimenticabile l’esultanza forte e rabbiosa per una stagione iniziata con le migliori aspettative, in parte disattese dal rendimento non al top dell’argentino. Complici gli infortuni non ha giocato quanto voleva nè con una continuità tale da garantirgli la visibilità che un investimento (tecnico per la giovane età ed economico per il costo del suo cartellino) come lui avrebbe potuto e dovuto avere. Ma questo per Iturbe è il passato, ed è alle spalle. E’ sempre di attualità invece il suo gol al derby ed è da lì che vuole ripartire per continuare a migliorarsi e crescere indossando la maglia giallorossa:Spero quest’anno di non infortunarmi ma non penso a quello – ha dichiarato in conferenza stampa Penso a lavorare. Sono arrivato con tanta voglia di dimostrare. Penso però che ho sbagliato e che dovevo andare un po’ più con calma. Quest’anno spero di fare meglio con questa squadra“. E la concorrenza con Iago Falque, anche lui esterno d’attacco ed in grado di giocare su entrambe le corsia, non sarà motivo d’ansia ma servirà da ulteriore stimolo: “Giochiamo nello stesso ruolo e lui è un giocatore ottimo. E’ una cosa ottima per noi e se starà meglio il mister farà giocare lui. Ci sono comunque anche Ljajic e Gervinho che possono giocare lì”. A migliorare, però, è necessario che sia anche la squadra tutta: “Siamo una squadra forte. Inter e Milan si stanno rinforzando alla grande e sarà difficile. Ma sarà una stagione buona per noi. Stiamo facendo cose buone con i nuovi preparatori. Spero che arrivino altri giocatori nuovi per diventare ancora più forti”. Intanto, a Pinzolo, con la preparazione atletica si iniziano a porre le basi per il futuro:Con i nuovi preparatori stiamo facendo cose buone. Non so dire che differenza ci sia perché io penso solo a lavorare, ma penso che sia un acquisto positivo che ha fatto la Roma”.

 

NORMAN-LIPPIE: “IL NOSTRO LAVORO E’ A SUPPORTO DI QUELLO DI GARCIA” – Darcy Norman ed Ed Lippie, due nuovi acquisti in casa giallorossa, guidano il nuovo performance team della Roma. Preparatori atletici che lavorano con la rosa a disposizione da quando è iniziato il ritiro di Pinzolo e che hanno contribuito alla riqualificazione delle strutture mediche all’interno del centro sportivo Fulvio Bernardini di Trigoria: “Questo perché ben si sposa con la nostra filosofia di lavoro. La palestra sarà pronta prima del ritorno della squadra dalla tournée in Australia e sarà un impianto al servizio della squadra e che aiuterà i calciatori ad esprimere tutto il loro potenziale”. Loro preparano i giocatori dal punto di vista fisico e non ‘invadono’ il territorio tecnico di Rudi Garcia, e viceversa. Queste due anime che lavorano con e per i calciatori già sembrano trovarsi in perfetta sintonia:Noi siamo al servizio dell’allenatore e dello staff. In che modo ci integriamo con lo staff degli allenatori? Beh per esempio intervallando degli scatti con dei lavori di finalizzazione o magari concludiamo con delle corse. E’ un processo graduale in cui l’intesa è fondamentale e per ora non potrebbe essere migliore. Sono sicuro che continueremo su questa strada”, ha spiegato Norman a Roma Tv.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy