Il modello ? Dortmund, il futuro Lamela, la storia Totti

di finconsadmin

(di Guendalina Galdi) Presente e futuro che continuano ad essere indissolubilmente legati. La storia che continua ad essere scritta e?mai dimenticata. Il nuovo ed il consolidato si intrecciano e si manifestano sottoforma di conferme e cambiamenti volti al meglio. Speranze e traguardi proprio oltre l’ostacolo che si palesa con una sfida facile solo sulla carta. Tutto questo a poche ore?da Roma-Siena.??

 

ALLENATORE – Andreazzoli. Il tecnico giallorosso che oggi ha parlato in conferenza stampa, facendo come al solito il punto della situazione, ma senza rivelare l’undici titolare “non dar? mai la formazione prima”, oscillando tra il campionato e la finale di Coppa Italia. Con uno sguardo all’Europa; quella da conquistare, attraverso un adeguato piazzamento in campionato,?e quella che si ? esibita in settimana. “Credo che la nostra societ? nel tempo voglia costruire un modello di quel tipo. Auguro alla Roma di riuscire nel tempo ad ottenere gli stessi risultati”. Il soggetto ? il Borussia Dortmund, la squadra artefice dell’impresa contro il Real. L’iter da seguire vuole essere quello dei tedeschi:?investire sui giovani, riconoscere ed accettare che i risultati non arrivano nell’immediato, e poi puntare meritatamente al tetto dell’Europa che conta. Certo ? che un’ottima prestazione, e risultato, domani contro il Siena di Iachini sarebbe un piccolo passo verso un futuro sempre pi? grande.

Tengono ancora banco comunque le voci di mercato legate al futuro allenatore giallorosso. La riconferma di Andreazzoli resta una pista concreta, ma non si placa il toto-successore. I soliti noti: Allegri, che si rimetter? alla volont? del suo presidente, Mazzarri, al quale De Laurentiis offrirebbe un triennale, e Ancelotti che non ha ancora deciso il suo futuro anche se molto probabilmente lascer? il PSG. Tre candidati per una panchina, quattro se si considera anche quello attuale, ma tra i tifosi, e?neanche troppo in sottofondo, si alza una preferenza. A furor di popolo: Spalletti.

 

CALCIOMERCATO – In entrata. O meglio: si lavora per allungare i contratti. Quello di Lamela in primis. Perch? la societ? vuole continuare a puntare su di lui per le prossime stagioni (cinque) e perch? l’attaccante argentino fa gola a molti club europei. Ma la Roma vuole tenersi stretto il gioiellino ventunenne, infatti secondo ultime indiscrezioni di mercato il club giallorosso avrebbe rifiutato un’offerta di 22 milioni da parte del Manchester City per il giovane sudamericano. Un rifiuto questo che ha il sapore di prolungamento di contratto.

Ancora Borussia. Nei giorni scorsi, dopo la vittoria sul Real Madrid, sono tornati i rimpianti per il mancato approdo in Serie A di Lewandowski, l’autore del poker alla squadra di Mourinho. Oggi, restringendo il campo all’ambito As Roma, l’agente Fifa Dario Canovi ha rivelato l’interessamento della societ? capitolina nei confronti di Piszczek: “L’anno scorso c’? stato qualcosa. L’interesse della Roma era molto forte e ci fu una chiaccherata con Sabatini a proposito del giocatore, ma mai una trattativa. Piszczek non voleva lasciare il Borussia”.

 

LE VECCHIE GLORIE, COSI’ SU QUELLA ETERNA – “Francesco ? stato e rimane il giocatore pi? forte e intelligente del campionato italiano. ? unico, sa giocare di schiena alla porta, sa fare tutto. Fa sempre la differenza”. Cos? Vincent Candela, cui domani sar? riservato il privilegio ed il piacere di compiere l’ormai consueto giro di campo pre-partita, che ha rilasciato un’intervista pubblicata sul sito ufficiale della societ?.

“Invidio Totti perche? gioca ancora, ma sono contento per lui e per la gente che si gode le sue giocate. Era un piacere giocare con lui perche? bastava uno sguardo per intendersi. Sarebbe stato bello giocarci ora, avrei sicuramente fatto piu? gol” questo il ruggito da Firenze del Re Leone. Gabriel Omar Batistuta in giornata ha tenuto una mini-conferenza a chiusura del suo soggiorno nel capoluogo toscano, e non poteva mancare qualche battuta sul suo ex compagno di squadra.

Alle parole di Candela e Batistuta si ? unito Beppe Iachini, l’allenatore del Siena. Non una vecchia gloria giallorossa, ma l’avversario di domani consapevole delle potenzialit? della squadra?padrona di casa, la Roma, che ha un valore aggiunto: “un fuoriclasse come Totti che in qualsiasi momento pu? cambiare la partita”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy