Il legale del Napoli sul rinvio con la Juve: “La Roma non ha impugnato la decisione”

L’avvocato dei partenopei parla dei malumori dei giallorossi: “La decisione della Lega è legittima”

di Redazione, @forzaroma

Negli ultimi giorni ha fatto discutere il rinvio di Juve-Napoli, in programma questa sera, slittato al 7 aprile. La Roma ha sottolineato come i partenopei arriveranno alla sfida di domenica proprio contro i giallorossi più riposati, mentre gli uomini di Fonseca dopo la trasferta di Kiev avranno solamente due giorni per riposare. Del rinvio e della risposta della Lega ne ha parlato Enrico Lubrano, legale del Napoli, a Radio Punto Nuovo: “Sul rinvio Juventus-Napoli, faccio una valutazione da giurista: la Roma ha sollevato una questione con la Lega, l’articolo 29 però si struttura con due commi di carattere generale e due commi di carattere speciale che sono dedicati alle competizioni internazionali. I primi due commi Sono relativi alla possibilità del presidente della Lega una gara anche su richiesta delle società. I commi 3 e 4 hanno il famoso termine dei 15 giorni, questo rinvio da impegni internazionali, ma è data dall’applicazione del comma 2 con applicazione della decisione del presidente. La Roma, invece, non ha impugnato la decisione del presidente e quindi, nei fatti, non ha impedito la disputa della partita. Ma, ripeto, la decisione del presidente della Lega è legittima”. Inoltre ha parlato anche del caso Diawara, che alla Roma è costato un punto contro l‘Hellas Verona vista la sconfitta a tavolino. “Roma sconfitta al Collegio di Garanzia? È una sede difficile, si lavora sulla competenza di sola legittimità, è più difficile ottenere l’accoglimento delle proprie pretese. Se il Verona ha ritenuto opportuno costituirsi era nei suoi diritti dal punto di vista giuridico, così come se la Juventus lo avesse fatto contro il Napoli non avremmo potuto dire nulla. In un campionato così equilibrato ognuno difende la propria posizione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy