I barbieri del calcio, ecco Gennaro e Luigi: “Così nasce il look dei giocatori” – FOTO

I barbieri del calcio, ecco Gennaro e Luigi: “Così nasce il look dei giocatori” – FOTO

Loro sono “Les Napolitains”, ma per i calciatori sono amici e consiglieri. “Scaramanzie, viaggi, partite e…”

di Valerio Salviani, @vale_salviani

Che siano professionisti o ribelli, padri di famiglia o sex symbol, per sapere cosa passa in testa ai calciatori di oggi servirebbe un mago. Invece cosa passa “sopra” la testa dei calciatori ce lo racconta Gennaro, alias Gennaro non sbaglia mai, il barbiere 2.0 che ha conquistato il mondo del calcio“Prima che parrucchiere sono un amico, con me si confidano e mi chiedono consigli”. Gennaro, che insieme al socio Luigi Paesano (che gestisce un salone a Casal Bertone) sta per lanciare il franchising “Les Napolitans” con 100 saloni in tutta Italia, è di base a viale Europa all’Eur, a due passi dalle case della maggior parte dei giocatori della Roma. “Se serve siamo noi ad andare da loro, ma spesso sono loro a venire da noi come clienti normali. Nessun favoritismo, prendono un appuntamento e rispettano l’orario. L’unica incomprensione l’ho avuta con Under che è venuto con due giorni di ritardo, ma solo perché non ci siamo capiti (ride ndr)”.

WhatsApp Image 2017-11-08 at 20.41.46

NON SOLO BARBIERI – Da 4 anni Gennaro e Luigi vivono in simbiosi con tanti calciatori, per i quali sono un punto di riferimento. “E’ iniziato tutto con Aquilani che dopo qualche titubanza ha deciso di fidarsi me. Michela (Quattrociocche, la moglie ndr) l’ha visto dopo il taglio ed è impazzita. Ora siamo grandi amici. Lui mi ha presentato Rosi e io l’ho seguito in ritiro al Genoa. Lì faccio i capelli a molti, da Izzo a Perin. Luigi invece è il barbiere di fiducia di Buffon” ci racconta con orgoglio. E i giocatori della Roma? “Quelli che stanno all’Eur vengono quasi tutti da me, o vado io da loro. Spesso vengono prima delle partite, si incappucciano per non farsi riconoscere ed entrano. Nel salone ho una stanza speciale per loro. Manolas è scaramantico, non vuole le foto perché dice che gli portano male. L’ultima volta gliel’ho fatta e ha segnato con la Fiorentina. Adesso mi ha detto che dovrò fargliela sempre”. Barbiere sì, ma anche e soprattutto un amico“Con Pellegrini e El Shaarawy ho un rapporto stretto, sono due persone fantastiche. Lorenzo è un ragazzo umile, spesso usciamo insieme. Dopo la presentazione con la Roma è venuto da me e mi ha regalato la maglia (foto)”. Anche l’acquisto dell’anno, Aleksandar Kolarov è un cliente di “Les Napolitains”“Lui è un duro come si vede in campo”. Però quando si siedono sulla sedia comandiamo noi, anche se sei un duro come lui. E alla fine sono tutti contenti”.

 

SEMPRE IN VIAGGIO – Per Gennaro e Luigi è un bel lavoro, ma richiede sacrificio e tanto impegno. “Ci chiamano nei ritiri a fare i capelli. Spesso seguiamo la Nazionale, lì capita che facciamo i capelli a qualcuno per la prima volta e poi puntualmente ci chiedono il numero, come successo a me con Donnarumma. A Milano vado spesso, sono sempre a Pinerolo. Vado a casa di Icardi praticamente ogni settimana, ma sono nostri clienti anche Handanovic, Vecino, Gagliardini e soprattutto Candreva, che è un amico e mi ha presentato tanti calciatori. Spesso andiamo a Trigoria, quando ci sono shooting o pubblicità, non ci fermiamo mai. Tra poco saremo a Coverciano, ci aspetta anche Buffon che per i capelli si fida solo di Luigi. E a giugno saremo al Mondiale”. Tutto il mondo del calcio passa dalle loro mani, ma c’è un segreto o è tutto talento? “Loro si fidano di noi perché li rispettiamo. Sanno che con noi possono stare tranquilli. Prima la Nazionale aveva diversi parrucchieri e nelle partite importanti non chiamavano nessuno, a noi ci chiamano. A volte io sono anche troppo rispettoso. Gigi (Buffon) un giorno mi ha detto “ma quando ti decidi a chiedermi una maglia?”. Io sono così, sia con loro che con i clienti normali”.

IMG_5305

TOTAL LOOK – Barbe, capelli e non solo. Per star dietro alle rockstar del 2000 serve il pacchetto completo“Ogni tanto con qualcuno vado a fare compere nei negozi d’abbigliamento, do consigli e loro li seguono. Sto studiando total look e non basta una specializzazione, bisogna sempre stare al passo con la moda. C’è chi mi chiama la mattina per sapere com’è meglio acconciare i capelli in base a quello che metterà addosso, la scelta della cera o del gel”. Perché il calcio è fondamentale, ma fuori dal campo c’è anche altro: “Quando non sono in campo si parla poco di pallone. Parliamo di vacanze, di vestiti o di ragazze”. Ragazzi normali, come Gennaro e Luigi, appena 30enni, ma che hanno già conquistato il mondo del calcio. Ed è solo l’inizio.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy