news as roma

Guerra Ucraina, Fonseca: “Le sanzioni non salvano le vite”

Getty Images

L'ex allenatore della Roma: "I nostri leader chiudono gli occhi e ignorano la loro sofferenza, protetti da interessi economici"

Redazione

"Questi due bambini sono ucraini. Vivono cercando di sfuggire a questa tragedia. È facile vedere nei loro occhi quanto siano spaventati. Come loro, molti altri si trovano nella stessa situazione. - scrive in un post su Instagram Paulo Fonseca, accanto ad una foto che ritrae due bambini - La maggior parte di loro senza niente da mangiare, senza acqua da bere, senza luce e senza calore. Molti di loro sono soli perché hanno visto morire le loro famiglie. È impossibile rimanere indifferenti a questo indicibile omicidio di migliaia di bambini in Ucraina.

Cosa li rende diversi dagli altri bambini del mondo? Cosa li rende diversi dai nostri figli? Solo le circostanze... sono solo bambini come i nostri, come tanti altri in giro per il mondo.

Mentre l'intera popolazione europea è stata magnifica nell'aiutare i rifugiati, questi bambini sono ancora lì dove quell'aiuto non arriva e dove non possiamo cambiare la loro sofferenza. Questa è la pura realtà. E confesso che mi sento indignato con i leader dei nostri paesi e soprattutto con la NATO. Hanno voltato le spalle a queste persone e soprattutto a questi bambini.

Mi chiedo ancora: cosa hanno differenzia questi bambini? Dico che non appartengono a nessun paese della NATO. Ed è per questo che i nostri leader chiudono gli occhi e ignorano la loro sofferenza, protetti da interessi economici. Credimi, le sanzioni non salvano queste vite.

Ciò che può salvarli è solo il coraggio di chi decide. E invece del coraggio, abbiamo assistito ogni giorno a una palese codardia. Non dimentichino che se non agiscono, domani potremmo vedere accanto a noi questi volti sofferenti.

FERMATE LA GUERRA!"