Gladbach-Roma, Rose: “L’andata ci è servita da lezione. Embolo non ci sarà”

Gladbach-Roma, Rose: “L’andata ci è servita da lezione. Embolo non ci sarà”

Ha parlato in conferenza anche il centrocampista Zakaria: “Ce la giocheremo a viso aperto”

di Redazione, @forzaroma

Marco Rose, l’allenatore del Borussia Moenchengladbach, ha parlato in conferenza stampa per presentare i temi della sfida di domani sera contro la Roma, in programma al Borussia Park alle ore 21. Ad accompagnare il tecnico nel confronto con i giornalisti c’era il centrocampista svizzero Denis Zakaria. Queste le parole:

CONFERENZA DI ROSE

Quanto è importante questa gara per il Gladbach?
“Tutte le partite sono importanti per noi. Dopo la partita di domani, faremo delle valutazioni sulla gara in base a come andrà, ma è importante come tutte le altre”.

Quale sarà l’approccio per vincere la partita?
“Dobbiamo confermare le prestazioni delle ultime settimane. Abbiamo fatto delle buone partite e superato dei momenti difficili. Conosciamo le qualità della Roma, stanno facendo bene in campionato e hanno vinto le ultime due gare dopo l’Europa. Dovremo difendere bene ma con i nostri tifosi vogliamo essere protagonisti e padroni del campo”.

Come sta Embolo e Thuram potrà giocare prima punta?
“Domani Embolo non potrà scendere in campo pur stando bene. Thuram lo stiamo mettendo sempre più in una zona centrale, come centravanti, e sarà molto importante la sua prestazione in vista di domani”.

Sarà una partita diversa rispetto all’andata?
“Il rigore dell’andata non c’era, lo confermo. Abbiamo preso la partita d’andata come lezione per mettere in campo delle idee specifiche, che non vi dirò, in vista di domani”.

Qual è stata la scintilla che l’ha spinta a diventare allenatore e se ha avuto qualche modello?
“Io ho iniziato a giocare a calcio e poi durante la carriera ho sempre pensato che sarei diventato un allenatore. Mi è piaciuto ogni giorno di più e il calcio è la mia vita. Klopp è uno dei miei idoli e mi è servito per diventare allenatore”.

Come stanno gli infortunati?
“Stiamo migliorando. Piano piano stanno tornando tutti. Domani Zakaria ci sarà. Vedremo la rifinitura come va, potremmo scegliere i giocatori che andranno in campo anche all’ultimo minuto”.

Come valuta la Serie A visti anche i risultati in Champions delle italiane?
“Ci sono sempre queste discussioni dopo le partite come quella di ieri tra il Dortmund e l’Inter. Noi ci sentiamo parte anche del Dortmund e abbiamo vinto ieri, siamo contenti di questo. In Europa ci sono 5 campionati molto competitivi, con la Premier in testa. Io me la godo, perché il palcoscenico internazionale è bellissimo. Io guardo alle partite europee sempre con il sorriso visto che può succedere di tutto, anche ai club come Barcellona o PSG”.

Quanto è importante che il gruppo sia unito per proporre le sue idee di gioco?
“Tutta la squadra porta avanti le idee che propongo. E’ uno sport di gruppo ed è molto importante che l’ambiente remi dalla stessa parte. Stiamo funzionando molto bene come squadra ed è la base per ottenere dei successi”.

CONFERENZA DI ZAKARIA

Quale lezione vi ha dato la partita dell’andata?
“Abbiamo iniziato bene e siamo stati compatti. Abbiamo gestito la partita, soprattutto all’inizio. Vogliamo scendere in campo con quell’atteggiamento anche domani contro una grande Roma per giocarcela fino in fondo”.

Rudi Voeller è un suo estimatore e ha detto che è il miglior giocatore della rosa, cosa ne pensa?
“Siamo una squadra forte e non si può dire che io sia il migliore. Abbiamo uno spirito di squadra molto forte”.

A quale centrocampista si ispira?
“Non ho tanti idoli ma mi ispiro a Pogba e Vieira”.

Quanto è importante il vostro spirito di squadra?
“Quello che vogliamo fare è giocarcela a viso aperto come abbiamo fatto nel primo tempo della partita d’andata. Per vincere dovremo giocare così per tutti i 90 minuti. Tutti i giocatori in rosa sono forti e penso che potremo arrivare molto lontano in tutte le competizioni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy