Gerson: “Il mio ruolo non conta, voglio aiutare la squadra. Lazio? Pensiamo solo a noi”

Le parole del centrocampista romanista al termine del match vinto contro il Benevento

di Redazione, @forzaroma

Seconda vittoria consecutiva per la Roma: nel posticipo della 24esima giornata della Serie A, i giallorossi ribaltano l’iniziale svantaggio e battono il Benevento per 5 a 2. Al termine del match, il centrocampista romanista Gerson ha rilasciato alcune dichiarazioni.

GERSON IN ZONA MISTA

Da quando hai parlato con Di Francesco è cambiata la tua partita.
Era una cosa che non stava andando bene, ho parlato con lui e dopo le cose sono andate tutte e posto. È una cosa normale del calcio.

Eri fuori posizione?
No, non è questo, è una cosa diversa.

Sei abituato a giocare nel tridente d’attacco, oggi un pochino più indietro. Come ti trovi meglio?
Anche in Brasile giocavo così, ho iniziato la carriera giocando così. Poi sono avanzato, anche in Brasile, so fare tutte e due.

Quale preferisci? Basta che giochi?
Certo, devo aiutare la squadra e basta.

Avete superato la Lazio, è passato il momento difficile?
Dobbiamo essere sempre concentrati e pensare a noi stessi, dobbiamo sempre entrare in partita per vincere. Questo è quello che penso.

GERSON A ROMA TV

Come ti sei trovato in questo ruolo?
Anche in Brasile ho giocato in questo ruolo e mi sono trovato bene.

Come hai visto la squadra questa sera?
Bene. Sapevamo che fosse una partita difficile, ma siamo entrati con la testa giusta. Abbiamo preso gol, ma abbiamo fatto quello che dovevamo e alla fine abbiamo vinto.

Stai giocando in tutte le zone del campo. Dove ti trovi meglio?
A me piace ovunque, l’importante è essere dentro il campo (ride, ndr).

Potresti giocare da trequartista?
Se il mister vuole, faccio anche quello (ride, ndr).

Tra poco arriva la Champions.
E’ vero, dobbiamo entrare con la testa giusta in Ucraina, ma prima c’è la partita contro l’Udinese. Dobbiamo vincere sabato, poi penseremo allo Shakhtar

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy