Gattuso: “Partita sofferta soprattutto nel primo tempo, la Roma è una signora squadra”

Le parole del tecnico rossonero dopo la vittoria all’Olimpico contro la Roma

di Redazione, @forzaroma

Niente da fare per la Roma: il Milan batte i giallorossi per 2 a 0 e li spedisce di nuovo al quinto posto della classifica, interrompendo la serie positiva di 3 vittorie consecutive in campionato. Al termine del match vinto, il tecnico rossonero Gennaro Gattuso ha rilasciato alcune dichiarazioni.

GATTUSO A PREMIUM SPORT

L’hanno sommersa i suoi ragazzi.
Siamo contenti, è nato un rapporto così che mi piace. E’ stata una partita sofferta, nel primo tempo ci hanno messo in grande difficoltà. Nel secondo abbiamo giocato un calcio diverso, abbiamo trovato i giocatori tra le linee e linee di passaggio ed è stato più facile prendere campo. La Roma è una signora squadra.

State cambiando la stagione.
Ho fatto i complimenti ai ragazzi e ho detto che dobbiamo stare con i piedi per terra. Abbiamo perso punti e ora stiamo rincorrendo. La differenza la fa la mentalità, sappiamo soffrire e lavorare di reparto. La differenza sta la.

Hai fatto un miracolo.
Ci piace lavorare. Nel primo tempo ero molto arrabbiato, ci siamo mossi male. Ultimamente stiamo coprendo bene tutte le zone del campo. Il primo gol lo fa Kessie, se sta fermo non si creano le linee di passaggio. Ci piace portare uomini in area con movimenti senza e con palla. In difesa ci stiamo muovendo bene, oggi era difficile e la difesa si è comportata bene.

Che voglia ha di derby?
Noi ora pensiamo alla Lazio, da giovedì penseremo al derby. Ora abbiamo tutte partite difficili.

GATTUSO A SKY SPORT

Complimenti al Milan.
Sono d’accordo con Fazio, nel primo tempo la Roma ci ha messo in difficoltà ma abbiamo lavorato bene non dandogli profondità, scivolavamo e accorciavamo bene coi centrocampisti. Noi abbiamo commesso degli errori, poi la partita è cambiata quando abbiamo coperto le linee di passaggio. Abbiamo avuto un po’ di campo libero, ma siamo stati bravi perché abbiamo giocato una grande partita contro una grandissima squadra.

Di quale miglioramento sei più orgoglioso?
Della compattezza difensiva. Sapevamo di avere grandi qualità, siamo una squadra giovane composta da giocatori tecnici. Il palleggio è rimasto, verticalizziamo di più e imbuchiamo velocemente. Mi piace come lavoriamo di reparto.

Sul futuro.
Spetta alla dirigenza, non a me. Se mi propongono ora non firmo per scaramanzia. Se non avessero creduto in me non mi avrebbero dato la chance di allenare una squadra così. La mia priorità è il Milan, è un orgoglio lavorare dove mi sento a casa e conosco tutti.

Ora il Milan è la squadra che gioca il miglior calcio in Italia.
Lavoriamo tanto, guardiamo anche gli atteggiamenti. Dobbiamo diventare squadra, poi non mi interessano se non si possono vedere e non vanno a cena insieme. Devono essere fratelli in campo.

Ora il derby.
Sto pensando alla Lazio, ci giochiamo un qualcosa di importante contro una squadra fortissima.

Farai turnover?
Domani cominciamo la processione alle camere, sui lettini, i dati. Poi vedremo.

Cutrona da Nazionale?
Deve migliorare, ha caratteristiche precise ma deve giocare più pulite. Anche Kalinic molto bene, non lo vedevo da tempo con questa qualità. Ha fatto fare il secondo gol a Calabria.

GATTUSO IN CONFERENZA STAMPA

La Roma nel primo tempo a tratti ci ha schiacciato, ci ha messo sotto. Il 4-2-4 della Roma ci ha facilitato perché trovavamo campo aperto. Questa squadra prima al primo schiaffo scompariva dal campo, non lavorava di reparto perché si affidava alla qualità dei singoli. Adesso siamo una squadra che lavora compatta. La soddisfazione più grande è vedere la squadra che tiene bene il campo.

Dove ha lavorato di più?
Da quando sono arrivato a Milanello ho visto gente che fatica che soffre, perché prima non lavoravano con un metodo corretto. Mi godo questo momento, ma non dobbiamo dimenticarci le figuracce arrivate anche nella mia gestione. Dobbiamo continuare partita dopo partita. La cosa che mi piace di più è che questa squadra è giovane e ha ampi margini di miglioramento. Non dobbiamo dimenticarci i sacrifici che abbiamo fatto per arrivare fin qui.

La Roma?
Non l’ho vista in difficoltà, ha dei giocatori importanti. Noi veniamo da un buon momento, dove abbiamo messo sotto tante squadre. Gli episodi nel primo tempo ci hanno agevolato. La Roma è una squadra molto forte, siamo stati bravi a rimanere in partita e a segnare due gol. Non ho visto una Roma in difficoltà

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy