Fonseca: “Questa Roma combatte, così andiamo lontano. Vogliamo il primo posto nel girone”

Fonseca: “Questa Roma combatte, così andiamo lontano. Vogliamo il primo posto nel girone”

Le parole del tecnico rilasciate alla Bild: “Stasera attaccheremo, dobbiamo mantenere la nostra identità. Il segreto? Lavoriamo tutti insieme”

di Redazione, @forzaroma

Bene Mancini, ok Smalling e Veretout e che bello vedere Pastore. Ma il vero segreto della Roma che vince e convince è Paulo Fonseca. Del tecnico romanista se ne stanno accorgendo un po’ tutti, tanto che anche “Bild” lo ha voluto per un’intervista esclusiva. Ecco le parole del portoghese al giornale tedesco:

Dopo la controversa decisione nel matche d’andata, sarà stato difficile accettare la decisione. Lo ha fatto?
Devo accettarlo. Ma pagare un simile errore all’ultimo minuto è stato molto, molto difficile. Perché era una situazione così chiara. Avremmo meritato la vittoria. Se avessimo vinto la partita, avremmo potuto fare un grande passo verso la fase a eliminazione diretta e il ‘Gladbach si sarebbe fermato a un punto.

La prova video avrebbe potuto impedirlo.
È una competizione così importante, non è accettabile non avere il VAR. Perché ci sono le prove video in Champions League, ma in Europa League invece no? Ma l’Uefa questo vuole cambiarlo.

Cosa si aspetta dalla sfida di stasera?
Innanzitutto, dobbiamo essere consapevoli che lo stadio sarà molto carico, come sempre in Germania. E si è detto quasi tutto sui punti di forza del Gladbach. Sono primi in un campionato molto forte. Sono molto bravi ad attaccare e lavorare molto duramente dopo aver perso una palla. E, soprattutto, non sono prevedibili…

Che vuole dire?
Giocano con molti sistemi diversi. 4-3-3, 4-2-3-1 e ora anche con difesa a tre. Non so cosa aspettarmi dalla partita contro di noi.

Ha una spiegazione del perché Gladbach non riesce a essere così competitiva anche in Europa League?
Forse si stanno concentrando di più sul campionato. Ma hanno combattuto duramente contro di noi. Penso che non si aspettassero il primo gol. Ma nessuno si aspettava il 4-0 del Wolfsberg. E non si sono ancora veramente ripresi.

Come vuole affrontare la seconda sfida con loro?
La cosa più importante sarà mantenere la nostra identità. Vogliamo la palla, vogliamo attaccare. Dobbiamo mantenere questa idea, indipendentemente dal fatto che il Gladbach sia primo in Bundesliga. Il nostro obiettivo è passare come primi nel girone. Ma sarà molto difficile, il Gladbach è forte e se vogliono andare avanti, non possono permettersi di perdere.

Con la sua squadra è imbattuto dalla fine di settembre e ha anche vinto contro il Napoli. Cosa le piace di più della sua squadra al momento?
L’atteggiamento. Abbiamo un sacco di infortuni da affrontare e devo cambiare la squadra molte volte. Ma tutti sono qui per combattere. Se riusciamo a mantenere questo spirito, possiamo ottenere molto in questa stagione.

Perché funziona tutto così bene?
Non abbiamo la palla di vetro. All’inizio della stagione, abbiamo detto ai giocatori: “Se lavoriamo tutti insieme, possiamo essere migliori”. E penso che a tutti i giocatori piaccia il nostro modo di giocare, vedono che li rende anche migliori. Per fare un esempio: quando Edin Dzeko stava pensando di estendere il suo contratto, Alessandro Florenzi gli ha telefonato e gli ha detto: se rimani, ti do la fascia da capitano. Dzeko lo apprezzò molto, anche se non ha accettato l’offerta di Florenzi.

Edin Dzeko conosce i tedeschi della Bundesliga. Quanto è importante per te?
Non riesco a trovare parole per lui. È un vero professionista. Non solo uno che tira la palla in porta. Lavora molto per la squadra, anche in fase difensiva. Abbiamo parlato brevemente del Borussia, ma è passato molto tempo da quando giocava in Bundes.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy