Florenzi: “Al ritorno daremo battaglia, sputeremo sangue per la Roma e per i tifosi” – VIDEO

Le parole del terzino giallorosso al termine del match contro il Liverpool

di Redazione, @forzaroma

Al termine del match vinto dal Liverpool sulla Roma per 5 a 2, il terzino giallorosso Florenzi è intervenuto ai microfoni dei giornalisti.

FLORENZI A ROMA TV

E’ un peccato non aver giocato da Roma. Ci hanno fatto del male, poi siamo stati ‘bravi’ gli ultimi 10 minuti a riaprirla. Ci aspettano 90 minuti all’Olimpico che saranno lunghi, avremo il tifo dalla nostra. Dovremo avere un altro atteggiamento, 90 minuti col coltello tra i denti.

Avevate iniziato bene, poi vi siete persi.
Ci siamo persi, non abbiamo giocato da squadra, abbiamo avuto quasi paura dell’avversario e non deve accadere. Loro sono maestri a mandarti giù ed è successo. Partita davvero difficile, ma sappiamo cosa potremo fare di diverso al ritorno per metterli in difficoltà.

Black out dopo l’errore di Mané. Perché?
Con una squadra come il Liverpool si può andare in difficoltà, ci sta, siamo in semifinale. Ci sono davanti giocatori dal calibro internazionale come lo siamo noi. Sicuramente non dovrà riaccadere in futuro, ma oggi è successo e non volevamo.

Vi ha sorpreso il gioco del Liverpool con i lanci lunghi?
Sapevamo il loro gioco, sapevamo tutto di loro, dai lanci ai metri che poteva percorrere la palla da van Dijk e Lovren. Purtroppo ci siamo smarriti, non deve accadere, giocare la semifinale non succede tutti gli anni e dovevamo dare di più. Siamo stati bravi all’ultimo ad avere un po’ di orgoglio personale, per rispetto nostro, dei tifosi, di tutta la gente che ci ha seguito. Lo abbiamo fatto una volta, sappiamo che non sarà così semplice, ma abbiamo 90 minuti all’Olimpico e vogliamo giocarcela fino alla morte.

Il blackout lo hanno avuto anche loro.
Eravamo ‘morti’ nella partita, non ci hanno ucciso e siamo riusciti fuori. Ora vogliamo fare una partita diversa tra una settimana.

FLORENZI A PREMIUM

Cosa è successo?
Ci siamo persi dopo la prima mezz’ora. Eravamo praticamente morti, con il nostro orgoglio abbiamo riaperto la partita, proveremo a fare qualcosa d’importante.

Avete le qualità per farlo?
Abbiamo tenuta mentale e fisica. Sarà più difficile rispetto al Barcellona, dobbiamo fare 90 minuti col coltello tra i denti senza avere rimpianti.

Sono vulnerabili difensivamente.
Lo abbiamo visto, dovremo lavorare sulla nostra fase difensiva.

Cosa prometti a chi verrà a vedervi?
La Roma non scenderà battuta in campo e darà il sangue per questa partita.

FLORENZI IN ZONA MISTA

“Avevamo la sensazione di aver perso qualcosa per strada, che il risultato fosse riprendibile. Come questa sera, è riprendibile e non ci sentiamo fuori dalla Champions League. Sarà difficile perché il Barcellona e il Liverpool giocano un calcio opposto, però dovremo affrontare col cortello tra i denti i prossimi 90’ e sputare sangue per la Roma e per tutti i tifosi che ci verranno a sostenere”.

È stato più un problema mentale o tattico?
Siamo andati in difficoltà in alcuni loro inserimenti, partendo da davanti. Quando si sbaglia, si sbaglia tutti, non c’è un colpevole e nessuno lo vuole trovare. Ci siamo buttati giù, cosa che non doveva accadere perché stai giocando una semifinale di Champions e può accadere di prendere uno o due gol. E lì che devi far vedere la tenuta, che stasera è mancata. Abbiamo ancora davanti 90’ all’Olimpico che saranno lunghi.

Quando c’è stato il doppio cambio e siete tornati alla difesa a 4 avete trovato più equilibrio o il Liverpool ha mollato?
Un po’ tutti e due. I movimenti del 4-3-3 li conosciamo a memoria, sulla difesa a tre ci abbiamo lavorato un po’ meno ma sappiamo come metterli in difficoltà. Un po’ loro hanno mollato e questo è stato un errore, vedremo al ritorno cosa riusciremo a fare. Daremo battaglia per 90’, usciremo senza fiato dall’Olimpico.

Sul 5-0 sembrava impossibile raddrizzarla, sul 5-2 la partita numericamente è aperta.
Sì, sul 5-0 sarebbe stato diverso. Abbiamo una partita davanti, prenderemo le giuste contromosse per metterli in difficoltà. Negli ultimi minuti sono andati in difficoltà, cercheremo di migliorarci e cercheremo di fare un’altra impresa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy