Fiorentino (ex Unicredit): “Roma? Vendendo i gioielli di famiglia non si fa una grande squadra”

Parla il regista della vendita della quota di maggioranza della società giallorossa agli americani: “Il momento è controintuitivo da un punto di vista sportivo e ambientale”

di Redazione, @forzaroma

Paolo Fiorentino, attuale amministratore delegato di Carige, nei suoi anni in UniCredit è stato il regista della vendita, nel 2011, della quota di maggioranza della Roma all’imprenditore James Pallotta e ai suoi soci statunitensi. Interpellato da ‘Il Sole 24 Ore Radiocor Plus‘ a margine di un convegno sulle banche sul momento di squadra e società, Fiorentino non nasconde perplessità sulle scelte di mercato del club giallorosso. “È evidente che sono delle società e che in determinati casi puoi vendere i gioielli di famiglia, l’ho fatto anch’io, però il momento è controintuitivo da un punto di vista sportivo e ambientale” afferma Fiorentino, che aggiunge come il percorso intrapreso non va nella direzione di chi si immaginava “la costruzione di una grande Roma“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy