Feyenoord, Karsdorp minacciato dai tifosi dopo la sconfitta: “Patetici, me lo dicano in faccia”

Feyenoord, Karsdorp minacciato dai tifosi dopo la sconfitta: “Patetici, me lo dicano in faccia”

Momento difficile per il terzino: “Devono lasciare in pace la mia famiglia. Sono tornato perché lo volevo tanto, sono davvero a terra”

di Redazione, @forzaroma

Rick Karsdorp sta vivendo uno dei momenti più difficili della carriera. La felicità per il ritorno al Feyenoord è già passata, dopo che alcuni tifosi lo hanno preso di mira sui social per la sconfitta con i Glasgow Rangers, minacciando lui e la sua famiglia. “I fischi li posso anche capire – ha detto l’ex Roma a VTBL -. Se perdi capisco la delusione dei tifosi e capisco che si punti il dito su di me se sbaglio. Grida, gesti, dito medio, va bene tutto, ma alla fine della partita ti vengo a parlare. Forse non lo devo fare , ma sono un ragazzo emotivo. Dopo che ho chiarito per me è tutto finito. Ma i messaggi in posta con minacce non li accetto. Questi patetici ragazzi sono seduti con il loro cellulare a scrivere. Farebbero molto meglio a venire agli allenamenti e a dirmelo in faccia. Non che io voglia fargli qualcosa. Ma questa gente deve lasciare in pace la mia famiglia”.

Durissimo l’attacco del terzino, che continua: “Su di me possono dire tutto, ma non su la mia famiglia. Io spero che questa storia finisca. Sono tornato perché lo volevo tanto. Volevo indossare la maglia del Feyenoord. Sono veramente a terra” ha concluso Karsdorp. Il classe 1995, è tornato in Olanda in prestito secco dalla Roma per cercare il riscatto dopo due stagioni difficili. Ma dopo la lite (poi chiarita) con il tecnico Jaap Stam, è già il secondo episodio negativo che è costretto ad affrontare. Il compagno di squadra Botteghin gli ha pubblicamente mostrato la sua vicinanza: “Si sta andando troppo oltre. Ho parlato con lui oggi, ovviamente è ancora molto deluso”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy