Feliziani: “Per Mosca 4mila biglietti a disposizione. Passaporto obbligatorio per acquistarli”

Parla il responsabile ticketing della Roma: “La vendita per il match di Champions col Cska seguirà le solite fasi di prelazione. Per Plzen ci saranno solo 5-600 biglietti”

di Redazione, @forzaroma

Pochi minuti dopo il comunicato della Roma sui biglietti del settore ospiti del match di Champions League contro il CSKA Mosca (in programma il prossimo 7 novembre), il responsabile ticketing del club giallorosso Carlo Feliziani è intervenuto ai microfoni di Roma Radio. Ecco le sue dichiarazioni:

“Siamo riusciti ad avere i biglietti qualche giorno prima rispetto al solito, dando tempo ai nostri tifosi di poter acquistare i biglietti secondo le solite fasi. Per i nostri fidelizzati c’è come sempre la possibilità di acquistare prima i biglietti rispetto alla vendita libera. Ci sono circa 4mila biglietti a disposizione, ma credo che per problematiche logistiche non ci sarà uno spostamento in massa. Si parte venerdì mattina per chi ha i due abbonamenti e il biglietti di Madrid. Il biglietto costerà 14 euro. Da martedì ci sarà la fase per chi ha un solo abbonamento e il biglietto di Madrid, poi un solo abbonamento e finiremo con la vendita libera fino a fine mese. Questo è molto importante: per acquistare il biglietto, è richiesto il passaporto. Questa è una richiesta del CSKA Mosca. È inutile acquistare il biglietto se non si andrà, perché successivamente noi richiederemo il passaporto dove vedremo il visto. Per Plzen sarà più complicato perché avremo solo 600 biglietti. Non vale comunque la candela prendere il biglietto se non si andrà a Mosca, per forza di cose dovremo richiedere il passaporto in originale con il visto. Quest’anno abbiamo fatto quasi 34mila abbonamenti Champions, un numero consistente. Se per Madrid e Mosca non ci sono stati e non ci saranno problemi di numeri, per Plzen sì: ci saranno 5-600 biglietti. Quindi chi andrà a Mosca sarà facilitato”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy