Febbre Roma, col Barça è sold out da record. DiFra: “Giocheremo senza paura”

In meno di otto ore esauriti tutti i biglietti per il ritorno di Champions. Alisson: “Ho lavorato tanto per diventare titolare”. Mercato, Coric a un passo

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

Diciannove giorni a Roma-Barcellona. Otto ore per realizzare un sold out che ha pochi precedenti. Alle 10 è partita ufficialmente la vendita libera dopo la prima fase di prevendita riservata agli abbonati di campionato e Champions. File dalle 7 del mattino, con i tifosi che hanno fatto di tutto per assicurarsi un posto nella sfida dell’anno. In serata la notizia: tutto esaurito, dalle curve alla Monte Mario. Chi voleva esserci e non si è organizzato per tempo, dovrà vederla dalla televisione.

FEBBRE A 40 – Dopo i 21 mila biglietti venduti nella prima fase di prevendita, da oggi era il turno di tutti quei tifosi non abbonati né per il girone né per il campionato. Dalle prime ore della mattina i tifosi giallorossi hanno preso d’assalto tutti i Roma Store della capitale, con l’obiettivo di assicurarsi un posto allo stadio per la sfida contro Messi e Iniesta. In meno di un’ora, dopo le problematiche iniziali, è terminata la disponibilità per la Curva Sud. Alle 17, poi, anche la Curva Nord e i distinti. Alle 18 è arrivato il definitivo sold out: niente più posti disponibili neanche nelle tribune. Circa 40 mila, quindi, i biglietti acquistati in poche ore. Ai tifosi non interessa neanche sapere il risultato dell’andata. Sarà un Olimpico-bolgia.

PROF DIFRASale in cattedra il tecnico Di Francesco, ospite dell’Università di Tor Vergata per una lezione magistrale. Tra i temi, ovviamente, la gara col Barcellona: “Sarà una sfida bellissima, non dobbiamo avere paura. Li sfidiamo a testa alta e con dignità.Mi auguro possa essere motivo d’orgoglio e soddisfazione quando ci rivedremo il 10 dopo la gara di ritorno”. Parole dolci anche per Patrik Schick: “Mi sono piaciute le sue parole in nazionale, si sta calando in questa realtà. Ha grandi mezzi, ma ha avuto poco spazio. A Roma sta a ognuno di noi far vedere di meritare questa piazza, toccherà anche a lui”.

CAPITAN ALISSON – Il posto da titolare ce l’aveva anche prima che la Roma ne scoprisse definitivamente le qualità. Ma per Alisson Becker l’amichevole di domani sera contro la Russia sarà speciale perché indosserà la fascia di capitano. “È un grande onore per me, ma non cambierà il mio modo di giocare. Sono uno che parla tanto con difensori e compagni, lo faccio per concentrarmi”, ha detto in conferenza stampa. Spazio, ovviamente, per una parentesi sul suo momento in giallorosso: “Ho lavorato tanto per prendermi il posto da titolare. Ci è voluto più di quanto mi aspettassi, ma ho imparato tanto”. 
Nonostante l’intenzione di Monchi e della società di blindarlo con un nuovo contratto, il Real Madrid continua a monitorarlo. Un aiuto, in questo caso, lo offriranno proprio gli avversari di sempre del Barcellona: il portiere brasiliano verrà osservato attentamente nella doppia sfida contro i blaugrana.

SCOMMETTIAMO CHE… – Oltre ad Alisson, Monchi continua a lavorare sul mercato in entrata. Vicinissimo Coric: il talento croato piace al d.s. spagnolo, che ha aperto a gennaio la trattativa per portare il regista del dopo-De Rossi nella capitale. Affare da 12 milioni, segno che Monchi punta forte sul classe ’97. Sempre viva la pista che porta a Cristante: oltre al jolly dell’Atalanta, però, sono tanti i nomi sul taccuino del d.s.
Del mondo delle scommesse fa parte anche l’iniziativa di Sisal Matchpoint, che dopo le parole di Di Francesco, che ha inserito Totti (che intanto è a Madonna di Campiglio con gli altri dirigenti per entrare in contatto con gli sponsor) nella sua top 11 personale, ha quotato a 100 il ritorno in campo della bandiera giallorossa, stimolando i cuori di chi non si rassegna al suo addio.

DON’T TOUCH MY CENGIZ – I gol e gli assist di Under hanno attirato l’attenzione di molti club inglesi, che sperano di poter ripetere col turco l’operazione Salah del Liverpool. Arsenal e Manchester City sono le squadre che hanno chiesto informazioni alla Roma, ricevendo però un secco ‘no’ dalla società giallorossa. ‘Cencio’ farà parte della rosa della prossima stagione.
Qualche dubbio in questo senso su Nainggolan, che intanto ha riconquistato la Nazionale: “Deve giocare il Mondiale, non mi interessa la sua vita privata”, ha tuonato Kevin De Bruyne, compagno del Ninja nel Belgio.
A Trigoria la squadra da ieri ha ripreso a lavorare dopo i due giorni di riposo concessi da Di Francesco: ancora a parte Defrel e Karsdorp. L’assenza dei nazionali ha portato lo staff a coinvolgere tutta la Primavera nella seduta odierna.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy