Fazio: “Stiamo facendo una grande stagione. Non far giocare il Barcellona non è da tutti”

Il difensore argentino: “Sono molto felice e molto emozionato. Dobbiamo giocare contro un avversario difficile come il Liverpool”

di Redazione, @forzaroma

Il Comandante ha dato il suo ordine. Federico Fazio sta vivendo la sua seconda stagione da protagonista nella capitale, formando insieme a Manolas una delle coppie di centrali migliori in Italia. Nel suo passato, un’avventura incredibile al Siviglia, che il difensore porta ancora nel cuore. A Estadio Deportivo ha parlato di questo, e della stagione della Roma.

Come sta andando avanti questa stagione storica a Roma?
Stiamo facendo una grande stagione, stiamo facendo la storia. Personalmente, sono molto felice e molto emozionato. Dobbiamo giocare contro un avversario difficile come il Liverpool, che ha fatto molto bene eliminando City, che era con il Barcellona una delle favorite. È un avversario difficile in Champions. In campionato lottiamo per entrare in Champions League e mantenere la terza posizione.

La Champions è dispendiosa, specialmente per il Siviglia in questa stagione.
Per squadre come Barcellona o Real Madrid, è più facile giocare in Champions League e in campionato. Il Siviglia ha giocato molte partite in questa stagione. Inoltre, ha ottenuto la finale di Copa del Rey e ha raggiunto in Champions League. Oltre il settimo posto, sta facendo una grande stagione. Non è facile giocare su più fronti, più in una stagione in cui c’è la Coppa del Mondo, in cui il calendario è più breve.

Segui il Siviglia a distanza?
Vedo un sacco di calcio, non solo il Siviglia, che ovviamente seguo. Di solito mi unisco a Diego (Perotti) per vedere il Siviglia. Sabato torniamo ​​solo per la finale. Abbiamo la gara alle tre e poi tre ore in treno, quindi arriveremo appena in tempo. Non abbiamo preparato nulla di speciale, ma lo vedremo sicuramente insieme. Lo faremo con grande entusiasmo perché è un club che ho tanto amore per tutti gli anni che ho trascorso lì.

Come vedi la finale di Copa del Rey?
Il Siviglia ha qualcosa con i titoli e, dopo tutto lo sforzo che hanno fatto in questa stagione, si meritano questa finale.

Quali ricordi hai della finale del 2010 contro l’Atlético?
Ho molti ricordi di quella finale. Siamo venuti avendo eliminato il Barcellona e quel titolo ci ha aiutato a continuare un ciclo che era iniziato prima. Nel 2007 avevamo vinto tutto: UEFA, Supercoppa, e in quella gara potevamo vincere l’Atletico Madrid.

Qual è il momento che è rimasto nella tua mente?
Soprattutto ricordo la speranza della gente. Abbiamo giocato a Barcellona e, all’improvviso, arrivi e loro sono tutti lì. Hanno fatto un grande sforzo per accompagnarci. C’erano persone che viaggiavano anche senza un ingresso per sostenerci. Vedere tutte queste persone eccitate è ciò che ricordo di più. Il sevillismo era sempre un’arma in più.

Chi ha giocato quella finale dice che il Siviglia ha vinto soprattutto grazie alla spinta del pubblico.
Certo. Il giocatore percepisce quel desiderio di vincere, di conquistare un altro titolo. Fare 1.000 chilometri per sostenere la tua squadra è un atto di fede, quindi cerchi di compensare. La folla era il giocatore numero 12 quel giorno

Siete una delle tre squadre, insieme al Real Madrid in Supercopa e all’Espanyol in Copa, ad aver battuto il Barcellona. Qual’è il segreto?
Abbiamo già fatto una grande partita all’andata nonostante il 4-1. Abbiamo segnato due autogol e non meritavamo quella sconfitta. Lì, sapevamo come ferirli, e nel ritorno abbiamo cercato le nostre armi. Abbiamo anche visto che contro il Siviglia ha sofferto nel pareggio 2-2. Il Siviglia ha giocato una grande partita e abbiamo visto come sono stati messi nei guai. Siamo usciti per spegnere il loro possesso. Siamo una squadra a cui piace giocare corta. Ci piace giocare nel campo avversario con e senza palla. Cerchiamo di portare via la palla e poi sfruttare le nostre possibilità, non lasciarli giocare.

In che modo ha influenzato il fatto che giocatori come Piqué e Busquets non fossero al meglio?
C’erano giocatori che avevano qualche problema, ma penso che non lasciare che il Barcellona giochi sia qualcosa che poche squadre ottengono. Secondo me, era più il nostro merito che il loro demerito.

Di Francesco avrà dato qualche consiglio al suo buon amico Montella.
I tecnici italiani studiano molto bene il rivale. Si è visto in Sivilla-Barcellona di Liga. Non so se Di Francesco avrà parlato con Montella, ma Montella farà un ottimo lavoro. È un ottimo allenatore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy