Fazio, Peres e Diawara: gli esuberi che non giocavano più ora aiutano Fonseca

In tre hanno giocato solo 285′ in campionato nel 2021: per l’argentino a Benevento sarebbe la prima presenza stagionale in A, il regista in Europa è sembrato in ripresa

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

Due di loro a meno di sorprese saranno in campo contro il Benevento, l’altro è stato tra i migliori in Europa col Braga. Il destino di Fazio, Bruno Peres e Diawara sembrava segnato fino a pochi giorni fa, adesso Fonseca deve attingere anche dalle loro forze, per allargare le rotazioni ma soprattutto per far fronte all’emergenza in difesa.

Non è un segreto che la Roma e Tiago Pinto abbiano cercato degli acquirenti fino alle ultime ore di mercato e non lo è neanche che a fine stagione le strade si separeranno: l’argentino ha detto “no” al Parma, Diawara ha ricevuto qualche timido interesse da Premier e Francia mentre il brasiliano dal Benfica e a fine stagione scadrà anche il suo contratto, che la Roma non rinnoverà. L’arrivo di Reynolds e la promozione a titolare di Karsdorp gli hanno chiuso le porte della fascia destra, l’esplosione di Villar e qualche dichiarazione di troppo del suo agente hanno escluso il regista ex Napoli dai titolari. Tra campionato (già a Benevento) ed Europa League adesso però tornano di moda.

Fazio, Peres e Diawara: l’aiuto a Fonseca da soli 285′ nel 2021

 

In tre, nel 2021, hanno giocato pochissimo in Serie A: solo 285′. Peres è quello che l’ha fatto di più, raccogliendo 247′ da gennaio ma di cui solo 67′ nelle ultime sei partite; Diawara in campionato è partito titolare solo nella partita che l’ha poi messo per colpe non sue sulle prime pagine contro il Verona. Da quel momento solo otto presenze per 75′ (di cui 38′ nel nuovo anno). Fazio è un caso ancora più particolare, visto che in Serie A deve ancora giocare un minuto. Ma visti gli infortuni di Smalling, Kumbulla, Cristante e Ibanez, contro la squadra di Inzaghi domenica sera dovrebbe toccare a lui, visto che già con l’Udinese si era andato a scaldare quando il brasiliano aveva chiesto l’aiuto dello staff medico.

LaPresse

Difficile, se non impossibile, che una mano la dia Juan Jesus, ormai fuori da ogni rotazione. Certamente verranno chiamati alcuni difensori dalla Primavera di De Rossi. Con l’argentino ci sarà sicuramente Mancini e forse Spinazzola, che già due volte ha giocato da terzo in difesa in Coppa. Ecco perché tornerà titolare Bruno Peres sulla fascia sinistra, con Karsdorp confermato a destra: il brasiliano ha giocato titolare l’ultima volta in campionato il 6 gennaio contro il Crotone, ma è stato decisivo nel finale con lo Spezia con l’assist a Pellegrini per il gol del 4-3.

Dovrebbe riaccomodarsi inizialmente in panchina Diawara (anche se Veretout e Villar sono diffidati e uno dei due potrebbe restar fuori per non rischiare di saltare il Milan). Amadou è stato tra i migliori a Braga: ha toccato più palloni di tutti (82) e con la percentuale più alta di precisione (96%, ok 69 passaggi su 72), cinque lanci lunghi a buon fine (e da uno è nato l’1-0) e quattro recuperi. È sembrato un giocatore ritrovato, neanche troppo preoccupato della fine social della love story con l’attrice Mariana Falace. Se dovesse essere ancora così convincente anche in allenamento, Fonseca gli darà altre occasioni per dimostrare di essere tornato il giocatore che aveva stupito al suo arrivo. Permettendo a Veretout o Villar di tirare il fiato in vista del finale di stagione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy