Erede cercasi. Di Osvaldo, Lamela o entrambi. Maicon si presenta: “Non sono una scommessa. La rosa è forte”

di Redazione, @forzaroma

 

(di Guendalina Galdi) L’attesa sta per finire. Le speranze stanno per riaccendere i cuori dei tifosi e le sconfitte devono essere riscattate. I campi di gioco tornano a vivere e ad essere teatro di emozioni. Queste ultime ore che separano il calcio italiano dal primo fischio d’inizio della stagione sono comunque dense di notizie legate al calciomercato, in pieno fermento. Oggi si è parlato di alcuni contatti tra la Roma ed il Real Madrid per Angel Di Maria. Il valore dell’attaccante argentino è intorno ai 34 milioni; ha rinnovato con le merengues l’estate scorsa fino al 2018, e con l’occasione è stato ‘ritoccato’ anche il suo ingaggio che è salito a tre milioni netti a stagione. Resta da vedere se può rimanere una pista percorribile.

 

Le notizie di mercato in orbita Roma oggi hanno anche reso noto sia l’interesse del Napoli su Ante Rebic, attaccante croato seguito da tempo dai giallorossi, sia un nuovo nome per il reparto offensivo di Garcia: si parla di Dario Cvitanich. Inserito nella lista di Walter Sabatini è un altro nome in lizza per rilevare la maglia di Osvaldo.

 

Tornando all’imminente inizio del campionato, che per la Roma sarà sancito dal fischietto del Sig. Massa di Imperia: la griglia di partenza, quella sulla carta, che si basa, ahinoi, sui risultati dello scorso campionato e delle Coppe della passata stagione, vede obiettivamente in testa la Juventus, reduce dal successo in Supercoppa. Alla squadra di Conte, sempre la carta (non ancora il campo) fa seguire Napoli, Milan e Fiorentina e poi ancora la Roma e la Lazio per finire con il jolly Udinese. La Roma resta per molti un punto interrogativo. Perchè è inevitabile fare riferimento alle due passate stagioni in cui, tra le altre cose, si sono avvicendati tantissimi giocatori che invece di risultare, a distanza di anni, dei punti fermi una volta cresciuti e maturati, visto che sono stati tesserati molto giovani, hanno lasciato la Capitale anzitempo. L’ultimo, in ordine cronologico, ma in molti sperano che sia davvero l’ultimo di questa finestra estiva di mercato, è Erik Lamela. Ad un passo dal diventare ufficialmente un giocatore del Tottenham ed incontrare nuovamente Franco Baldini, El Coco non andrà a sostituire il ‘caro’ partente Bale. Andrà però sicuramente ad arricchire la rosa di Villas Boas; e ad impoverire quella della Roma? Non è questa l’opinione di Maicon che oggi in conferenza stampa ha rassicurato tutti: “La Roma ha una rosa importante, anche se andrà via Lamela”. Se lo augura Maicon, in occasione della sua conferenza stampa di presentazione, come tutti i tifosi che ieri in quasi 30mila hanno abbracciato la squadra della stagione che tra tre giorni avrà inizio.

 

Triste definirla una ‘farsa’ e, ad essere pignoli, anche errato, perchè, fino a prova contraria, tutti i giocatori presenti ieri erano (ma sono tuttora perchè non è stato reso noto alcun comunicato) tesserati dell’AsRoma. Tutti, da chi percepisce lo stipendio più alto al più, diciamo così, modesto. E a proposito di monte ingaggi, è un’opinione che ritorna quella secondo cui sia questo il problema e l’ago della bilancia che muove ed indirizza il mercato della Roma; quello delle cessioni, come quello degli acquisti.

 

Chi non ha problemi col monte ingaggi è il Paris Saint Germain che oggi ha prolungato il contratto di Thiago Silva fino al 2018 ed effettuato un adeguamento del suo ingaggio: guadagnerà ora 10 milioni a stagione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy