Digiuni record. Quando il bomber non segna pi?

di finconsadmin

(di Alessio Nardo) La palla non entra, i tifosi borbottano, il nervosismo aumenta. E’ dura la vita dei bomber a secco. Restano l?, impantanati, a ricordare i bei tempi e a maledire il presente. Pablo Daniel Osvaldo ? solo l’ultimo di una lunga lista. Fermo, fermissimo all’incornata vincente di Bologna, datata 27 gennaio. Sono trascorsi 66 giorni, otto gare di campionato e l’italoargentino ? sceso in campo per 500 minuti. In attesa di un gol che non ? mai arrivato.

 

E’ un periodo nero. Il rammarico ? evidente, soprattutto nell’appurare il deficit caratteriale che attanaglia il ragazzo. Non ci riferiamo alla sua esuberanza, fin troppo nota, n? al suo essere (e sentirsi) personaggio. Parliamo di una scarsa lucidit? nell’affrontare il momento complicato. Di digiuni eccellenti, in passato, ce ne sono stati molti. Non segnare ? capitato a tutti, persino a Totti, fin da giovanissimo. Nella stagione 1998-1999, il Capitano rimase a secco per quindici gare di fila (dal 6 dicembre, contro il Perugia, al derby dell’11 aprile). Nelle ultime due stagioni ha replicato i periodi di pausa, restando senza gol per dodici gare tra maggio e novembre 2010, e per ben sedici partite consecutive tra maggio 2011 e gennaio 2012.

 

Chi ha vissuto lunghi periodi di astinenza ? Vincenzino Montella. Tredici gare a secco tra il 12 novembre 2000 e il 25 febbraio 2001 (stagione dello scudetto), ventitre tra il 17 giugno 2001 e il 23 febbraio 2002, ventiquattro tra il 23 novembre 2003 e il 12 settembre 2004 e addirittura trentadue tra il 26 ottobre 2005 e il 24 settembre 2006. Persino Gabriel Batistuta, il bomber dei bomber, ha dovuto patire le pene dell’inferno, digiunando tra il 27 gennaio 2002 (ultimo gol stagionale, contro il Piacenza) e il 14 settembre 2002 (prima di campionato, rigore vincente a Bologna). In tempi pi? recenti, Mirko Vucinic ha affrontato diverse fasi di stanca. Tra il 2007 e il 2008, in due periodi distinti, ? rimasto senza reti per quindici gare di fila. E nella stagione 2009-2010 ruppe il ghiaccio solo all’undicesima giornata, contro il Bologna (1? novembre). Fin? 2-1 per la Roma, primo dei 24 risultati utili consecutivi dei giallorossi di Ranieri.

 

Anche Marco Borriello, ottimo protagonista nel torneo 2010-2011 (undici gol in campionato, altri sei nelle coppe), ha vissuto il suo momento difficile. Senza reti per quindici sfide di campionato, dal 2 febbraio (gol al Brescia) al 22 maggio del 2011 (definitivo 3-1 alla Sampdoria). Periodi di astinenza pi? lunghi rispetto all’attuale striscia negativa di Osvaldo. Il guaio, come detto, ? la mancanza di tranquillit?. La reazione confusa e nervosa, che ha portato l’italoargentino a commettere un fallo inutile e sciocco su Morganella al ‘Barbera’. Ingenuit? che non gli consentir? di essere in campo nel derby. La gara teoricamente ideale per sbloccarsi e far pace con i tifosi.

 

I digiuni record degli ultimi anni

 

TOTTI
6 dicembre 1998-11 aprile 1999 (15 giornate a secco)
22 gennaio 2000-16 aprile 2000 (11 giornate a secco)
9 maggio 2010-13 novembre 2010 (12 giornate a secco)
22 maggio 2011-8 gennaio 2012 (16 giornate a secco)

 

DELVECCHIO
10 marzo 2000-7 gennaio 2001 (22 giornate a secco)

 

MONTELLA
12 novembre 2000-25 febbraio 2001 (13 giornate a secco)
17 giugno 2001-23 febbraio 2002 (23 giornate a secco)
23 novembre 2003-12 settembre 2004 (24 giornate a secco)
24 aprile 2005-26 ottobre 2005 (13 giornate a secco)
26 ottobre 2005-24 settembre 2006 (32 giornate a secco)

 

BATISTUTA
27 gennaio 2002-14 settembre 2002 (15 giornate a secco)

 

CASSANO
22 settembre 2004-19 dicembre 2004 (12 giornate a secco)

 

VUCINIC
7 aprile 2007-28 ottobre 2007 (15 giornate a secco)
4 novembre 2007-1? marzo 2008 (15 giornate a secco)
31 maggio 2009-1? novembre 2009 (10 giornate a secco)

 

BORRIELLO
2 febbraio 2011-22 maggio 2011 (15 giornate a secco)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy