Di Francesco: “Zeman? Una persona di cuore e grande sensibilità”

di Redazione, @forzaroma

Eusebio Di Francesco, neo tecnico del Sassuolo ed ex mezza ala della prima Roma di Zeman, ha parlato sia della sua nuova avventura in terra emiliana sia del suo “maestro” tornato alla guida della sua Roma.

Ecco le sue parole:

Sassuolo, un impegno non da poco

Hanno parlato di ridimensionamento quest’anno ma è una rosa solida e competitiva

Come vi collocate per questo passaggio?

Loro erano partiti l’anno scorso per fare un campionato importante, quest’anno non faremo pazzie, manterremo l’ossatura della squadra mettendo più giovani. Diventiamo gli outsider

C’è stato il riscatto di Marquinho, è il nuovo Di Francesco?

Ha ottime caratteristiche, ha il tiro più forte del mio, è un buon giocatore, ha dimostrato di avere ottime qualità

Il primo anno di Zeman hai fatto 8 gol…

Ce se ne ricorda sempre dopo (ride, ndr). In due anni ho fatto 12 gol, mi ha insegnato tantissimo, lui mi aveva dato la capacità di credere nelle mie caratteristiche sfruttando i miei tempi d’inserimento

Gli allenamenti di Zeman…

Sarà impegnativo, il mister fa allenamenti diversi dai soliti, si farà molta corsa lunga, è una cosa mentale, la sera vai a dormire pensando a quello che farai il giorno dopo

In quei due anni quanti giorni di ritiro facevate?

Circa un mese, 4 settimane

Quest’anno effettivi di ritiro ci saranno 12 giorni, può essere un problema?

Non aiuta il suo modo di lavorare, ma non lascerà nulla al caso, si adatteranno gli altri a lui. Dodici giorni sono pochini un po’ per tutti, ci sono poi interessi diversi però

Chi avrà il ruolo di mediano?

Lui aveva detto che vedeva De Rossi più interno, per me comunque De Rossi, con noi lo faceva molto bene Di Biagio. Attualmente non vedo altri giocatori. Con il mister per facilitare anche le giocate di Totti bisognava correre tanto, questo dava modo di sviuluppare ottime manovre

È difficile ottenere dal ds i giocatori che si vogliono?

Più alto si va più c’è, più basso sei più ti devi adattare a questioni economiche. Io ho sempre fatto fatica come a Lecce

Chi è l’allenatore bravo?

Non puoi pensare di prendere Zeman e comprare giocatori da 4-4-2, è la società che si adeguerà alle scelte dell’allenatore

Lo trova emozionato o cambiato Zeman?

Gli anni aiutano, però le risposte mi sembrano sempre le stesse, è diventato più sensibile, il mister è di grande sensibilità, è una persona di cuore

Roma-Inter 4-5, è stata un capolavoro pur perdendo?

Sono uscito arrabbiatissimo, abbiamo creato tantissimo, loro hanno fatto 5 tiri 5 gol, però è stata una partita spettacolare per chi vedeva la partita non da tifoso“.

(Centro Suono Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy