Di Francesco: “Non firmo per il pari”. Dzeko: “Dobbiamo dare di più” – GALLERY – AUDIO – VIDEO

Il tecnico e il centravanti giallorosso presentano la gara di domani sera dalla sala dello Stamford Bridge

di Redazione, @forzaroma

LONDRA – Il tecnico della Roma Eusebio Di Francesco è intervenuto in conferenza dalla sala stampa dello stadio Stamford Bridge di Londra per presentare il match di domani contro il Chelsea. Insieme al mister, il centravanti giallorosso Edin DzekoForzaroma.info segue in diretta la conferenza stampa.

DOMANDE PER DI FRANCESCO

Che Roma si aspetta contro il Chelsea?
Sicuramente voglio un approccio differente rispetto alla gara contro il Napoli, i ragazzi lo sanno benissimo. Dall’altra parte anche il Chelsea avrà un approccio feroce avendo perso in campionato contro l’ultima in classifica. In campo scendono due squadre, è ovvio che io guardo la mia e sicuramente cercheremo di approcciare meglio a questa gara.

Tante assenze che non consentono di fare ricambi. Questo si è accusato contro il Napoli?
Più che di reparti, parliamo di un approccio nel primo tempo contro il Napoli in cui non abbiamo fatto bene. Nel complesso generale la squadra ha reagito alla grande, credo che non ci sia dopo la partita un grandissimo divario. Questo ci deve dare forza, al di là del risultato e degli ennesimi pali che abbiamo colpito. La possibilità di cambiare c’è sempre. Abbiamo dei giocatori anche se non posso sceglierne tanti, ma ho la possibilità di cambiare. Sicuramente qualcosa farò, ma sono decisioni che prenderà domani.

Il suo rapporto con i preparatori Norman e Lippie? Chiederà di non fare più tournée?
Sono venuto a Roma per collaborare e crescere tutti insieme, ma il primo responsabile di ogni cosa sono io e devo prendermi le responsabilità. Capita di avere infortuni, credo ci siano anche qui al Chelsea e non mi sembra che Conte abbia cambiato metodologia di allenamenti rispetto all’anno scorso. Tante situazioni, anche casuali, hanno portato a tanti, tanti infortuni. Quando si gioca a certi livelli gli impegni sono molti, è normale che possa accadere. E prematuro parlare al futuro, perché ora voglio parlare del Chelsea e non di altro.

C’è pressione per l’incontro di domani? Come motiva i giocatori? 
Non sento queste pressioni, sento parlare di tutto, a Roma è così. La cosa più importante è preparare la partita per i tre punti. E’ sbagliato pensare di accontentarsi di un punto, alla mia squadra devo chiedere sempre il meglio. Dobbiamo pensare di vincere la partita, sapendo che davanti abbiamo una squadra fortissima, abituata a determinate gare. Ma per poter crescere vanno affrontate al modo giusto. Io non penso all’Atletico ma al Chelsea, è una tappa importante per rispondere alla sconfitta contro il Napoli. I miei giocatori vogliono fare il meglio per recuperare quello che abbiamo lasciato per strada.

Gonalons?
A Baku per i primi trenta minuti ha fatto un ottimo lavoro, cercando quello che gli avevo chiesto. Poi è entrato nel pallone, e non deve accadere. È un ragazzo splendido che si allena in maniera eccellente. In queste settimane mi ha dimostrato di essere competitivo e che ha superato le difficoltà di Baku. Può essere domani della partita.

Esperienza o corsa, quale delle due conta di più?
Ogni calciatore ha tre qualità fondamentali: psicologica, tecnica e fisiche. Vanno abbinate, se riusciamo a ottenerlo sarebbe il massimo. Prima di tutto iniziamo a correre, cercando di tenere alto il ritmo perché soprattutto in Champions ci sono squadre che – anche come il Qarabag – non mollano mai. Dobbiamo pareggiarle in questa qualità per poi avere maggiore testa e maggiore qualità.

Di Francesco ai microfoni di Premium: “Non firmo per un pari, stesso atteggiamento avuto con il Napoli, ma più decisi”.

DOMANDE PER DZEKO

È il suo miglior momento della carriera?
Sì mi sento molto bene, è un momento importante e sono felice dei gol segnati in questo periodo. Devo dire grazie alla squadra, ma non mi fermo qua: voglio continuare, allenarmi di più e sempre fare meglio. Sono felice di essere nella lista del pallone d’Oro.

Il Chelsea ha vinto contro l’Atletico ma poi ha perso in Premier: che partita si aspetta?
Questa è la Premier, la qualità di questo campionato ti può far perdere anche contro le ultime in classifica. Il Chelsea è una squadra molto forte, lo sappiamo benissimo. Sappiamo che ci troveremo di fronte una squadra arrabbiata, con un allenatore che sa mettere molta pressione sui giocatori. Noi dobbiamo guardare la nostra squadra e far bene domani.

Non ha mai segnato al Chelsea in carriera…
Mi sento stimolato. Voglio fare sempre gol, voglio aiutare la mia squadra con i gol ma non solo. Il Chelsea è una delle grandi squadre a cui non ho segnato, farò di tutto per provarci domani anche se non è mai semplice in Champions.

Se potesse, quale giocatore toglierebbe al Chelsea?
Se potessi fare l’opposto ne leverei almeno cinque, è una squadra piena di giocatori forti. Vogliamo fare il massimo per far bene.

Quanto è sorpreso dell’adattamento di Morata in Premier?
E’ stato molto veloce ad adattarsi, ha segnato tanti gol con il Chelsea ed è un giocatore importante per loro. Siamo contenti se riposasse, ma tutto il Chelsea è una squadra forte.

Contro il Chelsea sarà la sua centesima partita con la Roma?
Sono contento e orgoglioso, all’inizio non sembrava potesi fare cento partite con la maglia della Roma. Speriamo che vada bene e di fare un bel risultato.

Dzeko ai microfoni di Premium: “Dovremo dare tutti qualcosa in più. Non sarà facile vincere, ma neanche per loro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy