Di Biagio: “Tachtsidis ottimo giocatore. Aver giocato nella Roma è un ricordo bellissimo”

di Redazione, @forzaroma

L’ex centrocampista giallorosso Luigi Di Biagio ha rilasciato alcune dichiarazioni. Ecco le sue parole al sito carlozampa.it.

 

Ultimamente si parla, forse anche troppo, dei metodi di allenamento di Zeman, tecnico che lei conosce bene. Che ricordi ha delle sedute di allenamento che faceva con il Mister durante la sua permanenza a Roma?
“Erano anomali nel suo genere ma a me piaceva lavorare tanto per essere pronto a scendere in campo la domenica. Se ti devo dare una risposta ti dico si, erano duri ma danno i frutti desiderati. D’altronde i calciatori devono lavorare e l’allenamento fa parte del mestiere”.

 

Per questioni anagrafiche, lei lavora con ragazzi molto giovani. Che tipo di allenatore è? Si ispira a qualcuno come modello, non da imitare ovviamente ma dal quale prendere spunto?
“Ho avuto la fortuna di avere grandi allenatori durante la mia carriera tra i quali Mazzone, Zeman e Sacchi. Cerco di prendere spunto dal lato migliore di ognuno di loro. Ogni allenatore ha i suoi pregi e difetti. A me piace far giocare la mia squadra all’attacco e puntando sul possesso palla. Allenando una nazionale ho poco tempo a disposizione con i ragazzi quindi i miei allenamenti si basano soprattutto sul gioco con la palla ma questo non vuol dire lavorare di meno, anzi…”.

 

Nella Roma di Zeman nel ruolo che fu di Di Biagio gioca attualmente Tachtsidis. Come lo vede questo giocatore?
“Secondo me è un ottimo giocatore, deve sicuramente capire alcuni meccanismi del gioco di Zeman ma le caratteristiche per coprire quel ruolo le ha sicuramente. Come centrale di centrocampo io vedo benissimo anche Daniele (De Rossi – ndr) anche se so che il Mister lo vede come mediano. Ma Daniele è un giocatore talmente bravo che può ricoprire più ruoli anche se io, ripeto, lo vedo come centrale”.

 

L’ultimissima… ci racconta il suo ricordo più bello legato alla Roma?
“Già aver giocato nella Roma è un ricordo bellissimo. Di episodi ce ne sono tanti, dovendone citare uno sicuramente la mia doppietta realizzata contro il Milan quando vincemmo cinque a zero”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy