De Rossi: “Le cessioni sono nel destino della Roma, ma ci siamo sempre rigenerati” – FOTO GALLERY – VIDEO – AUDIO

De Rossi: “Le cessioni sono nel destino della Roma, ma ci siamo sempre rigenerati” – FOTO GALLERY – VIDEO – AUDIO

Le parole del capitano romanista in conferenza stampa: “C’è un po’ di emozione, potrebbe essere l’ultima volta che gioco al Bernabeu. E’ una partita che può darci grande slancio”

di Redazione, @forzaroma

La Roma si appoggia ai suoi pilastri per uscire dalla crisi. Dopo la panchina contro il Chievo, riprende il suo posto al centro del campo Daniele De Rossi. Il capitano romanista, che domani guiderà i suoi nella sfida contro il Real Madrid, ha parlato insieme a Di Francesco nella conferenza stampa di vigilia che si è svolta al Bernabéu. Le sue parole:

DE ROSSI IN CONFERENZA STAMPA

Complicato decifrare la Roma. Dalle grandi notti di Champions alle mezze partite di questo inizio di stagione. Bisogna accettarvi così o chiedervi di più?
Siamo i primi a chiederci di più. Non è facilissimo paragonare la Roma vista contro il Barcellona, arrivata dopo un percorso di conoscenza di 9 mesi, e questa Roma che è all’inizio di una nuova stagione. Dobbiamo voler fare di più, ma la Roma contro il Barcellona era la stessa che era stata criticata pochi mesi prima per partite analoghe, non uguali a quella di domenica ma c’erano state delle critiche per dei passi falsi. Se poi la stagione è finita in maniera soddisfacente, anche se senza titoli, posso essere solo fiducioso.

Tra i motivi di questa confusione c’è anche quello che si sono persi giocatori importanti?
Le stagioni da sempre e per sempre saranno figlie del mercato che si fa pochi mesi prima. Il calcio funziona così. Da quando sono qui alla Roma è sempre stato così, non solo con questa proprietà. Si sono sempre venduti i migliori per poi comprare altri giocatori che dopo qualche anno sarebbero diventati forti come quelli che c’erano prima. La Roma si è sempre rigenerata nonostante le cessioni fisiologiche, che sono nel destino di questa società. Anche l’anno scorso c’erano state delle cessioni importanti e poi abbiamo invece abbiamo raggiunto obiettivi che mai erano stati raggiunti.

Cosa scatta quando perdi un giocatore come Ronaldo?
Tutti quanti comprano e cedono, non so cosa si può provare a vendere un giocatore come lui. Forse serviva uno scossone al Real, ma non mi riguarda e mi interessa il giusto, da spettatore. Da capitano bisogna guardare la lista dei giocatori della propria squadra e sostenerli fino alla fine e lavorare come abbiamo sempre fatto, soprattutto negli anni in cui siamo andati bene.

Continuerai a indossare la tua fascia nonostante la multa?
Io avevo già parlato col mister e con Florenzi, che non sapeva come comportarsi. La cosa che mi dà fastidio personalmente è che sono rimasto solo io insieme a quelli della Fiorentina e io devo rispettare delle motivazioni diverse e più importanti, per tenere il punto su una questione che non è importante. Si è perso tanto tempo a parlarne, non c’era bisogno di uniformare tutti a questa fascia, ci sono problemi più importanti. Ho sentito dire da gente che stimo come Costacurta e Tommasi che cercheranno di togliere questa regola. Non mi toglie il sonno mettere la fascia della Lega, ma devo rispettare i giocatori della Fiorentina che hanno motivazioni diverse. Dalla prossima partita metterò la fascia della Lega ma lo farò solo per rispetto alla Fiorentina, che ha vissuto una cosa tremenda solo pochi mesi fa e ricorda in questo modo chi non c’è più. Non mi sembra giusto mettermi allo stesso livello.

Quella di domani è la partita migliore o peggiore che poteva capitarvi ora?
Non è la miglior partita, se avessi potuto scegliere. Ma le tre partite che sembravano più semplici ci hanno dato delusioni, magari portare via punti da qui potrebbe darci questo slancio, farci trovare fiducia e farci dire ‘ricordatevi di quanto siamo stati forti pochi mesi fa e che possiamo tornare ad esserlo’.

Da fuori sono tutti convinti che voi siate abbattuti, con la mazzata della cessione di Strootman a mercato chiuso. Quali sono i pensieri nello spogliatoio? Ci si sente di passaggio?
Lo chiedi alla persona sbagliata. Io a Roma ho messo le radici, i calciatori sono lavoratori di passaggio dappertutto. Sono pochi quelli che restano tantissimo in una squadra, la Roma è una delle poche che può vantare questi giocatori. Sono nati e cresciuti qui e c’è anche qualcosa di più che li spinge a restare. Si può fare anche al Real come ha fatto Ramos, o invece si può andare via dopo qualche anno come Ronaldo. Il mercato è aperto due volte all’anno e offre sempre soluzioni. Il dispiacere per non vedere più alcuni compagni di squadra, anche molto forti, deve durare 2-3 giorni. Poi dobbiamo lavorare e portare a casa i risultati, c’è tempo per sentirci. Con Radja ci siamo visti pochi giorni fa, con Kevin ci siamo sentiti. Ho salutato tanti compagni che non avrei voluto salutare, ma questo è il calcio.

Su Di Francesco.
Non cambio la mia opinione. Non è il primo allenatore criticato, da una parte è anche normale quando non si vince. Siamo criticati anche noi e la società. A Roma è normale, vogliamo tutto subito ma anche qui a Madrid. Al primo anno di calcio importante ha portato la Roma dove non era mai stata, ha una filosofia di gioco precisa che ci ha portato a questi risultati. Ora non è felice dei risultati come non lo siamo noi. Metterlo in discussione prescinde dalle sue qualità. Ma accade dappertutto, anche Spalletti ora all’Inter. E’ stato messo in dubbio anche lo scorso anno ma siamo andati in semifinale di Champions e siamo arrivati terzi.

Il Bernabeu vuol dire tanto per i colori azzurri ma anche per te. Come vivi questa partita, visto che potrebbe essere anche la tua ultima Champions?
E’ diverso giocare qui. Sono pochi gli stadi che mi hanno dato le emozioni che ho avuto qui. Potrebbe essere l’ultima Champions, l’ultima volta che ci gioco. Un po’ di emozione c’è ma c’è da giocare una partita importante e farla in questo tempio in maniera positiva sarebbe veramente importante. E anche emozionante, per noi giocatori deve essere anche un onore.

Ti porti dietro magari anche l’ultima volta che sei stato qui con la Nazionale, visto che forse è quella la partita che ci ha estromesso dal Mondiale? Hai anche un po’ di rabbia per questo?

Sono entrato nello spogliatoio, sono andato in bagno e ho subito preso una ventata di negatività che voglio subito cancellare. Un pizzico della nostra eliminazione è nata quella sera e ha rovinato una Nazionale che aveva fatto bene. Non me la porto in campo proprio perché è stato negativo. Voglio pensare a quando siamo passati in Champions qui con la Roma e quando l’ho vissuta da tifoso.

La solleva che Cristiano Ronaldo non ci sarà domani?

Come lui non ce ne sono, ma ce saranno talmente tanti altri domani che non proverò questa sensazione. E’ un problema in meno, ci ha sempre segnato ma sono pieni di giocatori forti in tutti i reparti. Sono spaventosi, non trovo punti deboli. Ho grande rispetto ed ammirazione, ma senza sollievo per l’assenza di Ronaldo.

La Roma è più forte dello scorso anno e potete ripetere il cammino dello scorso anno?
L’anno scorso c’era ancora meno fiducia nel passaggio del turno, quest’anno è diverso. Ripetere una semifinale di Champions richiederà impegno, qualità e costanza oltre a grande entusiasmo. Quello magari viene con le vittorie e con i risultati positivi.

DE ROSSI A SKY SPORT

Perché crederci?
Ci crediamo perché siamo una squadra forte, ci crediamo perché è nostro dovere farlo ed è il nostro lavoro. Ci crediamo perché siamo una di quelle squadre che ha scombussolato i pronostici l’anno scorso. Se abbiamo battuto Chelsea e Barcellona ed eliminato Atletico Madrid e Shakhtar, non vedo perché non possiamo pensare di poter fare un buon risultato qui a Madrid.

Come si rialza la testa? Dove dovete migliorare? 
Dobbiamo migliorare in tutto. L’anno scorso eravamo una squadra completa, che ha fatto tante cose buone da squadra. E da squadra dobbiamo migliorare la nostra fase difensiva e offensiva, è riduttivo parlare solo di un aspetto.

Del Real Madrid cosa ti colpisce di più?
Mi colpisce quello che hanno fatto negli ultimi 3 anni, qualcosa che non è riuscito a nessuno. Siamo fortunati testimoni di qualcosa di incredibile. Nel corso degli anni hanno sempre alzato la coppa ma hanno perso qualche partita, qualcuno che li ha battuti l’hanno trovato e speriamo di fare una grandissima partita. Mi colpisce la forza e la qualità dei giocatori e dell’allenatore, che stimo particolarmente, e il fatto che riescono sempre a riciclarsi: anche vendendo qualche giocatore riescono a mantenere una squadra incredibile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy