Cristante: “Abbiamo sbagliato troppo. Wolfsberger ottima squadra, il pareggio va bene”

Cristante: “Abbiamo sbagliato troppo. Wolfsberger ottima squadra, il pareggio va bene”

Le parole del centrocampista romanista: “Abbiamo preso qualche ripartenza di troppo e alla fine è arrivato il pari”

di Redazione, @forzaroma

La Roma torna da Graz con un punto, ma può sorridere per il pari del Monchengladbach con il Basaksehir che tiene il terzo posto a tre lunghezze di distanza. Bryan Cristante ha parlato della partita dopo il fischio finale. Le sue parole:

CRISTANTE A ROMA TV

Bryan risultato che conta poco ai fini della classifica, ma la squadra è sembrata in difficoltà
Sì, abbiamo incontrato un’ottima squadra, pressavano alto ed erano molto aggressivi. Abbiamo preso qualche ripartenza di troppo e alla fine è arrivato il pari.

Cosa è mancato per vincerla?
Abbiamo sbagliato qualcosa di troppo sia a centrocampo che in avanti, però un pareggio fuori casa in queste condizioni va bene.

In Europa nessuna squadra è da sottovalutare
Sì, non c’è bisogno di questa partita per scoprirlo. In Europa ogni gara è complicata.

CRISTANTE A SKY

Abbiamo imparato a conoscere questa squadra. Ve l’aspettavate così difficile?
Ce l’aspettavamo difficile. Sicuramente potevamo fare meglio, potevamo sfruttare di più le occasioni avute. Sapevamo fossero aggressivi e bravi nelle ripartenze.

Quando vi attaccano così quali sono le linee guida di Fonseca?
Dobbiamo farci vedere tutti ed essere disponibili perché quando trovi una squadra così aggressiva che ti prende nella tua metà campo c’è bisogno di tutti gli undici della squadra per uscire.

E’ successo questo?
In alcuni momenti sì ed in altri sicuramente potevamo fare meglio. Adesso in settimana vedremo cosa potevamo fare.

Che conclusioni trai da questa partita?
In Europa tutte le partite sono difficili, non c’era bisogno di questa gara per scoprirlo. Bisogna andare sempre la testa giusta perché qualsiasi squadra è un’ottima squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy