Cosa fare con Fonseca?

Andare avanti con il portoghese o passare al prossimo. Il dilemma in casa Roma resta aperto

di Redazione, @forzaroma

Roma-Udinese è stata una partita senza storia. Una di quelle classiche partite che se le squadra favorita e più importante la vince comodamente, non c’è niente da dire o quasi, è la norma. Se la perdesse viceversa si riaprirebbe il processo all’allenatore Paulo Fonseca, si legge su Repubblica.it. Il problema è fare il salto di qualità. La stessa Roma passa nell’arco di una settimana dal ko contro la Juve a una vittoria facile e molto agile contro l’ Udinese.

Questa altalena tiene ovviamente sempre aperta la questione dell’allenatore Paulo Fonseca. Stanno sempre tutti lì a chiedersi se sia l’allenatore giusto. Se si debba continuare con lui dunque o al contrario cambiare nuovamente guida, magari per tentare di ingaggiare un super manager alla Allegri.

Ma una Roma al terzo posto e oggi sopra la Juventus tiene continuamente aperto il problema impedendo di risolverlo definitivamente. Ci vorrebbe una Roma che crolli definitivamente (addio Fonseca) oppure che decolli addirittura verso lo scudetto (Fonseca per sempre). Ma così sembra sempre una Roma che può diventare grande, ma oggettivamente non lo è. E dunque è impossibile decidere, lasciando il “caso Fonseca” perennemente aperto.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dino.desposit_1893880 - 2 settimane fa

    Ma siamo proprio sicuri che il problema sia Fonseca, o comunque l’allenatore? In quasi 70 anni che seguo la Roma l’ho vista stravincere solo con calciatori formidabili uniti da intenti comuni ed appoggiati da una società solida e coesa. Basta guardare quanti manager ed allenatori sono cambiati negli ultimi 10 anni per capire che il problema non è Fonseca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy