Corte di Giustizia Federale: Cellino: “Mai dato dell’avvoltoio a nessuno. Se vince il Cagliari vince lo sport”. Baldini: “Lo sport vince quando si rispettano le regole” (DIRETTA e FOTO)

di Redazione, @forzaroma

(dall’inviato di ForzaRoma.info) Alle 13 è arrivato in via Allegri, alla sede della Figc, il direttore della Roma Franco Baldini. Oggi pomeriggio la Corte di Giustizia Federale si riunirà per valutare il ricorso del Cagliari contro lo 0-3 a tavolino di Cagliari-Roma, ad attendere la decisione non saranno soltanto i due club coinvolti. Insieme a Baldini c’è anche l’avvocato Baldissoni, consigliere AS Roma. A rappresentare la Roma c’è il legale Saverio Sticchi Damiani. E’ anche presente l’avvocato Grassani, legale del club sardo Ore 14,15 – Ecco arrivare anche Massimo Cellino, presidente del Cagliari Baldini e Cellino non si salutano   Ore 16,26 – All’uscita il presidente del Cagliari Massimo Cellinodice ai cronisti presenti: “Ho detto non è che la Roma passa dal Lupo all’avvoltoio l’ho detto per scherzo e fu riportato. Non mi permetto di dare dell’avvoltoio a nessuno” “Si Rigioca? “E’ irrilevante, l’importante è che devo parlare della Roma che è una squadra amica, io non voglio perdere l’amicizia con la Roma” Con che spirito era venuto presidente? “Di difendere lo sport e sottopormi alla giustizia sportiva che per quanto mi riguarda io sono il presidente del Cagliari il rispetto il nostro sistema sportivo che per me è l’unica giustizia che conta nell’ambito sportivo, è quella sportiva”     Presidente la Roma è una società amica ma Baldini forse non è tanto amico Non personalizziamo la cosa. Io vorrei sapere di chi è la Roma perché è molto bello. Lui è un mio collega e io sono venuto per parlargli per stringergli la mano come si fa tra di noi, come si fa tra calciatori. Noi presidenti siamo i papà dei calciatori e l’allenatore è la mamma, diciamo. Io posso anche dire a cagliari che lo sport è al di sopra di tutto un dirigente magari lui non è pagato per quello. Son due sentimenti diversi due principi diversi non è una questione di classe di dichiarazione del reddito o di gradi, è una questione di fine.                                         Un presidente fa il calcio non solo per una questione economica ma anche per una questione di principio un dirigente essenzialmente per una questione economica, perciò non parliamo la stessa lingua, lui deve difendere certe posizioni io no, questo lusso io posso permettermelo lui può venire io magari no e per questo non posso criticarlo.” Si aspetta che si giochi? “Il calcio va giocato. Roma e Cagliari va giocata sul campo nei novanta minuti. Si parla troppo e si gioca poco” Lei ha detto se vince il Cagliari vince lo sport” “No se vince il Cagliari, questa non deve essere una sfida tra Roma e Cagliari, Roma e Cagliari si devono sfidare sul campo e dopo brindare alla fine dei novanta minuti. Non sono ostili queste due società se si disputa bene sennò non me ne frega niente l’importante è che tra Cagliari e Roma ci sia lo sport e l’amicizia che c’è sempre stata”       Poi Franco Baldini “Non ho mie impressioni, ma voglio solo rimettermi alle decisioni della Corte di giustizia federale. Sono quì per difendere i diritti e gli interessi della Roma”.     Cellino ha detto se vince il Calgliari vince lo sport’ “Io credo che lo sport vince quando vengono rispettate le regole  attraverso le quali si muove lo sport”.     Ha parlato con Cellino, vi siete salutati? “No, non c’è stata l’occasione”.     Farete ricorso alla Corte del Coni? “Vediamo prima le decisioni e le motivazioni, poi decideremo. Io ripeto però che gli interessi ed i diritti della Roma continuerò a difenderli. La questione personale non mi tocca in nessuna maniera. Quì sono in ballo primo il rispetto delle regole, poi gli interessi di Roma e Cagliari. Le questioni personali in questo caso non sono di interesse”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy