Corso: “Arbitri considerati intoccabili. La Roma gioca il calcio migliore in Italia”

di finconsadmin

Mario Corso, ex giocatore dell’Inter, è intervenuto ai microfoni di Teleradiostereo per parlare della sfida di sabato sera tra i nerazzurri e la Roma:

 

 

Sugli arbitri: “Ho rivisto la discussione che ha portato all’espulsione e poi alle quattro giornate di squalifica a Borja Valero, scandaloso quello che sta accadendo, gli arbitri sono permalosi, il centrocampista della Fiorentina ha semplicemente toccato la spalla di Gervasoni. Arbitri gestiti da un personaggio particolare come Braschi, che dice che siano intoccabili, i migliori. Quando Braschi dice dopo partite del genere che l’arbitro è stato perfetto, peggiora la situazione, farebbe meglio a stare zitto. Una volta, ai miei tempi, coi vari Lo Bello in campo, il dialogo era aperto. Oggi sono chiusi nel loro silenzio, pronti a penalizzarti con errori non voluti, visto il livello, e pronti a causa della suscettibilità a espellere i calciatori e a farli condannare a tante giornate di squalifica come occorso a Gervasoni. “

 

Sull’Inter e la sfida di Roma: “L’Inter per statistica arriva tante volte nell’area avversaria, spesso ci sono episodi controversi, ma possibile che non si fischino rigori? Poi l’Inter ha ancora dei problemi, trovo assurdo che non ci sia uno specialista sui calci piazzati, evidentemente c’è poco addestramento, ma una cosa del genere non è possibile. E’ una squadra in crescita, questo è evidente, ma sabato arriva sul campo della squadra che gioca il calcio migliore in Italia, la Roma, che può ancora vincere lo scudetto ma oltre a non dover più sbagliare nulla, deve sperare che cada la Juventus, e se la squadra di Conte perde a Milano il discorso rimane aperto. Poi da interista spero che sabato non giochi Totti, che Garcia per farlo recuperare al meglio lo ripresenti dalla settimana successiva. Ma sto parlando da interista.”

 

 

Le punizioni: “L’ultimo turno di campionato ha mostrato splendidi gol su punizione, la mia specialità. In Italia il miglior esecutore resta Pirlo, se n’è andato uno specialista come Diamanti, e poi mi è piaciuto molto il tiro di Calaiò al San Paolo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy