Condò: “Totti a disagio, ma nel suo destino c’è la Roma”

Condò: “Totti a disagio, ma nel suo destino c’è la Roma”

Il giornalista che ha curato il libro di Francesco e che ha inserito l’ex numero 10 ne “La storia del calcio in 50 ritratti”: “L’ho scelto perché volevo ci fosse una bandiera capace di vestire una sola maglia”

di Redazione, @forzaroma

C’è anche Totti tra i protagonisti di “La storia del calcio in 50 ritratti”, l’ultimo libro di Paolo Condò. Il giornalista, che ha curato anche “Un capitano”, ha parlato a Rudi.news proprio dell’ex numero 10 della Roma: “Lasciare fuori Gigi (Riva, ndc) mi ha pesato parecchio, ma ho scelto Francesco perché volevo che ci fosse anche la storia di un calciatore, di una bandiera capace di vestire una sola maglia in carriera, con la consapevolezza di rinunciare a titoli e vittorie che altrove avrebbe ottenuto con grande facilità. Anche Antognoni è rimasto fuori per “colpa di Totti”.

L’intervista arriva in un giorno particolare, oggi è il compleanno proprio di Totti: “Gli ho appena mandato un sms di auguri. Come sta Francesco? Credo che intimamente sia ancora molto indeciso. Sta facendo cose nuove che lo divertono e lo assorbono, ma credo che il suo destino e quello della Roma non potranno restare separati per troppo tempo. C’è stata una frattura e queste cose non si aggiustano con lo scotch. Tuttavia penso che del disagio in lui esista. Per esempio mi suona strano non vederlo allo stadio quando gioca la Roma. E non necessariamente in tribuna d’onore. Un giorno vorrei raccontare di un nuovo Totti, di un calciatore che Francesco regalerà alla Roma come suo erede. Mi piacerebbe molto se fosse lui a scoprirlo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy