Castro: “Non siamo riusciti a segnare nel primo tempo. Un gol sarebbe stato importante”

Le dichiarazioni del mister dello Shakhtar Donetsk dopo la sconfitta con la Roma

di Redazione, @forzaroma

La Roma vince 2-1 e lo Shakhtar Donetsk abbandona l’Europa League. L’allenatore del club ucraino Luis Castro ha parlato al termine del match:

CASTRO AL SITO UFFICIALE DELLO SHAKHTAR

Come valuteresti la stagione europea dello Shakhtar?
L’anno scorso siamo riusciti a raggiungere le semifinali di Europa League, ora siamo arrivati ​​agli ottavi. Abbiamo avuto una fase a gironi di Champions molto difficile e siamo finiti in Europa League. All’andata la Roma ha dominato nel primo tempo, nella ripresa per 30 minuti abbiamo fatto abbastanza bene, poi la Roma ha preso il sopravvento. Oggi, a Kiev, purtroppo all’inizio non siamo riusciti a segnare, che per noi sarebbe stato molto importante. Il secondo tempo è stato abbastanza equilibrato. Possiamo sempre fare meglio. Questa stagione europea può essere definita soddisfacente.

Il risultato sarebbe cambiato con i tifosi allo stadio? Quali sono i piani della squadra per il resto della stagione e quelli personali? Cosa pensi di fare con la squadra?
Abbiamo lo stesso obiettivo dalla prima partita: vogliamo guadagnare un altro titolo, diventare campioni dell’Ucraina. Sfortunatamente per noi, ieri sera in tarda serata abbiamo appreso che i tifosi non avrebbero potuto assistere allo stadio. Ora in Ucraina il tasso di contagio del coronavirus è cresciuto molto. La salute arriva prima di tutto, anche se, ovviamente, sarebbe molto più bello se i tifosi fossero presenti sugli spalti.

Ci vedremo nella prossima stagione europea dello Shakhtar? Da chi dipende il rinnovo del tuo contratto?
Mi potrete vedere nella prossima stagione di Champions, forse allo Shakhtar, forse in qualche altro club, ma al momento non sono per niente preoccupato di questo. È molto importante raggiungere il nostro obiettivo principale: diventare campioni d’Ucraina. Penso solo a questo.

In quali posizioni deve essere rinforzato lo Shakhtar per superare squadre come la Roma?
Non possiamo condurre una valutazione del genere durante la stagione: sarebbe ingiusto nei confronti di quei ragazzi che lavorano ogni giorno. Tutte le riunioni interne che si tengono nel mio ufficio restano lì, non le portiamo fuori. Lo Shakhtar non ha cambiato la sua rosa dalla scorsa stagione. Va bene se ci saranno dei piccoli cambiamenti per la prossima stagione. Abbiamo tanti giovani, come Trubin, Dodo, Vitao, Kornienko, Tete, Solomon, Fernando e tanti altri: bisogna fare attenzione alla loro crescita e metterli in squadra per tempo. È molto importante valutare correttamente la situazione e il loro sviluppo. Non c’è bisogno di cambiare durante la stagione: ne parleremo verso la fine dell’anno. Ci sono ancora molte partite davanti a noi.

Nella prossima stagione, vorresti rivali a livello di Real Madrid e Inter o Maccabi?
Da quando sono arrivato allo Shakhtar, abbiamo giocato 22 partite di Champions. Sono state davvero difficili, ma siamo riusciti a battere Atalanta e Real Madrid e a pareggiare con Manchester City e Inter. Io amo le grandi sfide, è meglio giocare sempre con le squadre di altissimo livello.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy