Caso Diawara: come nasce l’errore, l’alert della Lega e la buonafede. Ecco la situazione

Domani il Giudice Sportivo si pronuncerà sulla vicenda. A Trigoria sperano che la dimenticanza, che non ha influito sul risultato, possa non costare la sconfitta a tavolino

di Valerio Salviani, @vale_salviani

L’inizio di stagione della Roma sembra destinato a essere più travagliato del previsto. Non solo le difficoltà di mercato. A tenere banco a Trigoria oggi è anche il caso Diawara. Il guineano è stato schierato dai giallorossi contro l’Hellas Verona sabato scorso, nonostante non comparisse nella lista di giocatori consegnata alla Lega. Un autogol che può costare lo 0-3 a tavolino da parte del Giudice Sportivo, che si pronuncerà domani.

Verona-Roma, rischio 0-3 a tavolino per i giallorossi: ecco cosa è successo

 

Amadou Diawara non è stato inserito in lista per una dimenticanza. Questa la posizione della Roma, che si giustifica puntando sui quattro slot ancora liberi nei quali il centrocampista sarebbe potuto rientrare senza problemi. La regola vuole che i giocatori over 22 da schierare, debbano obbligatoriamente far parte della famigerata lista ed è ovviamente “fatto divieto ai calciatori non inseriti nell’elenco dei 25 calciatori di partecipare a gare di campionato nel periodo di validità dell’elenco stesso”.
Diawara è classificato come over da questa stagione e la segreteria sportiva della Roma, che si occupa della compilazione delle liste da consegnare alla Lega Serie A, non ha certificato il passaggio, dimenticandosi di inserire l’ex Napoli nella nuova collocazione ufficiale. Un errore in buonafede, fa sapere il club di proprietà dei Friedkin.

La posizione della Lega e il giallo “alert”

 

Dalla Lega fanno sapere che proprio quest’anno è entrato in azione un nuovo sistema che comunica con un “alert” eventuali errori nelle liste alle società. Da via Rosellini trapela che l’alert sia stato regolarmente inviato a Trigoria, ma che non sia stato ravvisato dalla Roma.
In realtà l’avviso la Roma l’avrebbe visto e ci sarebbe anche stata una telefonata con un funzionario della Lega, che non spiegandosi il motivo avrebbe rassicurato i giallorossi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy