Cappelli conferma: “Fiducia a Baldini e presto nuovo tecnico”

di Redazione, @forzaroma

(Ansa) – Con il campionato finito e l’addio di Luis Enrique ormai alle spalle, in casa Roma si cominciano a fare i conti col futuro.

Il consiglio di amministrazione della societa’ giallorossa, riunitosi a Trigoria, ha approvato i conti trimestrali del club, ha deliberato l’avvio delle procedure per l’esecuzione della prima tranche da 50 milioni dell’aumento di capitale, e ha fatto il punto sulla stagione sportiva conclusa con un settimo posto in campionato e la mancata qualificazione alle coppe europee.

A relazionare il Cda su un’annata non certo brillante e’ stato il direttore generale, Franco Baldini, che alcuni giorni fa aveva dichiarato di voler rimettere il proprio mandato al giudizio del board. ”Ma la fiducia a Baldini e’ stata totalmente confermata, e non poteva essere altrimenti, cosi’ come nei confronti di tutto il top management della societa”’ ha dichiarato il vicepresidente Roberto Cappelli al termine della riunione nel centro sportivo giallorosso, cui i soci americani hanno preso parte in videoconferenza dagli States. ”Sapevamo che sarebbe stato un anno di transizione, non ne avevamo fatto mistero – ha quindi aggiunto Cappelli – Cercavamo un gioco nuovo con giocatori giovani e con una mentalita’ da cambiare. Resisto a usare la parola progetto, anche perche’ e’ diventata quasi una barzelletta, ma sapevamo che c’era molto da fare e che ci voleva del tempo per farlo”.

E con l’inaspettato addio di Luis Enrique servira’ adesso anche un nuovo allenatore. ”Siamo rammaricati per l’uscita del mister, che ha deciso di andarsene – ha spiegato il vicepresidente – Ma siamo convinti che in questo anno sono stati fatti passi avanti, la costruzione e’ cominciata e l’anno prossimo sicuramente riprenderemo da dove ci siamo interrotti”. Sul prossimo tecnico, pero’, nessuna anticipazione: ”Aspettiamo che vengano fatti i progressi da parte di chi li deve fare, non e’ materia del Cda. Di certo, la scelta dell’allenatore e’ prioritaria. Entro 10 giorni? Non abbiamo parlato di tempi, ma credo che si voglia fare molto presto”. Anche perche’ c’e’ da programmare una nuova stagione (e anche per questo Baldini domani volera’ negli Usa per incontrare Pallotta, socio forte della cordata americana), a cominciare dal mercato. ‘‘Di budget non ne abbiamo ancora parlato, aspettiamo gli input del management sportivo che dovra’ darci le indicazioni che poi valuteremo in sede di consiglio – ha spiegato Cappelli – Investimenti? Vediamo cosa ci chiedono e poi i soci decideranno se sono compatibili o meno con il programma, questa e’ la normale dialettica di qualsiasi societa”’.

Sul fronte stadio, da segnalare che all’advisor ‘Cushman & Wakefield‘ sono pervenute circa cento proposte di aree su cui far sorgere il nuovo impianto della Roma. ”Adesso lavoreremo per selezionare quella tra le quali sara’ fatta la scelta definitiva” le parole di Cappelli, che da un lato ha escluso un disimpegno da parte degli americani (”non mi pare sia mai stata assolutamente in dubbio la loro volonta’ di continuare ad investire”), dall’altro ha rimandato a data da destinarsi l’uscita di UniCredit dalla proprieta’ della Roma. ”L’uscita di UniCredit dal capitale sociale non e’ una cosa all’ordine del giorno – ha concluso – Nuovi soci? Non e’ mai stato un programma a breve termine per UniCredit. La volonta’ e’ quella di valorizzare la Roma e ci vuole il tempo necessario per raggiungere questo obiettivo. Se poi capita qualche occasione, qualche potenziale investitore, magari anche sinergico con la societa’, valuteremo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy