Caos Stadio Roma, Rutigliano (pres. Italia Nostra): “Deroga assurda proposta dal PD”

Caos Stadio Roma, Rutigliano (pres. Italia Nostra): “Deroga assurda proposta dal PD”

Il numero uno dell’associazione continua: “Se ci avessero dato retta, accogliendo una delle 4 proposte alternative a Tor di Valle, oggi il cantiere sarebbe già aperto”

di Redazione, @forzaroma

Oreste Rutigliano, Presidente di Italia Nostra, ha tenuto questa mattina una conferenza stampa per sottolineare i motivi che rendono illegittima la variante urbanistica del nuovo stadio della Roma. “Se ci avessero dato retta, accogliendo una delle 4 proposte alternative a Tor di Valle (una su area pubblica) che a febbraio del 2017 Italia Nostra Roma aveva presentato, oggi il cantiere sarebbe già aperto tra applausi e festoni dei tifosi – dichiara Rutigliano -. Bisogna avere il coraggio di ammettere che il PD, nel suo delirio di onnipotenza, rinnegando decenni di seria politica urbanistica, ha proposto questa deroga assurda di una nuova centralità in aggiunta e fuori dal PRG. I 5 Stelle, divenendo supinamente esecutori testamentari dell’odiato PD, hanno infranto due legalità: il PRG e la tutela dell’articolo 9 della Costituzione” ha concluso il presidente.

Parola poi a Mirella Belvisi, vice presidente di Italia Nostra Roma: “Stupisce che l’Assessore all’Urbanistica Luca Montuori, senza conoscere il contenuto e la possibile rilevanza delle osservazioni, arrivate a decine negli uffici del Campidoglio, ora, con in corso l’indagine della Procura, insista nel dichiarare possibile la realizzazione di un progetto che ha ostacoli insormontabili tra i quali, oltre al problema della mobilità insostenibile; 1) l’area non è suscettibile di interventi urbanistici di nessun genere fin quando non sarà effettuata la riperimetrazione, in base alle norme tecniche dell’autorità di Bacino, a seguito della realizzazione delle opere necessarie alla messa in sicurezza; 2) la Variante, prima di essere pubblicata,  doveva essere approvata dalla prima seduta utile del Consiglio Comunale, in base a quanto previsto dal decreto legge 50/2017, che abbrevia i procedimenti per le opere di interesse pubblico. Questo passaggio in Consiglio comunale non è avvenuto; 3) la Variante è priva di norme tecniche, essendo presente nella documentazione, pubblicata sul sito del Comune, solo le norme tecniche del progetto proposte da Eurnova”.

Il legale dell’Associazione, Giuseppe Libutti, ha evidenziato infine gli aspetti incostituzionali della vicenda ed ha sottolineato la criticità dei successivi passaggi dell’iter comunale per controdedurre alle osservazioni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy