Burdisso: “Al Boca serviva De Rossi, l’ho pressato perché aveva altre offerte”

L’ex difensore della Roma, attuale direttore sportivo del Boca Juniors, ha parlato delle difficoltà nella trattativa che ha portato l’ex capitano giallorosso a giocare alla Bombonera

di Redazione, @forzaroma

Direttamente dal Festival dello Sport arrivano le dichiarazioni dell’ex difensore di Inter e Roma Nicolas Burdisso. L’argentino, da poco diplomatosi come direttore sportivo a Coverciano ed attuale ds del Boca Juniors, è tornato sul trasferimento agli Xeneizes di Daniele De Rossi: A me al Boca serviva una figura come lui, un giocatore come lui o Tevez che potesse dare il suo contributo giocando solo alcune partite. Ho visto che non rinnovava con la Roma e gli ho proposto di venire da noi. C’è stata una telefonata molto bella, non ha detto subito di sì, gli ho fatto un po’ di pressing perché sapevo che aveva offerte anche in Europa. Per me è stata una grande opportunità, il suo arrivo a Buenos Aires ci ha fatti sentire importanti. Totti? Non ci ho provato, aveva già smesso…. Burdisso ha poi descritto le principali differenze tra italia e Argentina riguardo le strategie di mercato: “Noi in Argentina siamo un Paese esportatore di talenti, quindi possiamo offrire calciatori e aspettare. L’Italia ha un atteggiamento molto più aggressivo. Il ruolo del direttore sportivo è nato qui in Italia 40 anni fa con i grandi presidenti, ora il mercato è cambiato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy